YOUGLAM LANCIA YOUGLAM BEAUTY PET ED È OSPITE ALL’EUROPARLAMENTO

Bellezza e sostenibilità ambientale: Youglam sposa le tematiche di FareAmbiente Nazionale attraverso la produzione di una nuova linea cosmeceutica, interamente dedicata agli animali d’affezione.

È scoccata la scintilla tra il fashion brand di Skin Care You Glam e FareAmbiente, una delle più importanti e presenti associazioni di protezionismo ambientale e animale riconosciute dal Ministero dell’Ambiente.

Occasione per comunicare questa unità di intenti, il Congresso sull’Ambiente e la chiusura della seconda edizione della scuola di Alta Formazione, che si sono svolti il 30 novembre 2022 presso la Sala delle Bandiere dell’Europarlamento a Roma, che hanno visto l’incontro tra il Managing Director di YOUGLAM, Gianluca Gatti e i vertici di Fare Ambiente, nel corso della conferenza, introdotta dal Prof. Vincenzo Pepe, Presidente Nazionale di FareAmbiente e moderata dal giornalista Mediaset Andrea Giambruno. Dopo i saluti di benvenuto dell’Europarlamentare On. Valentino Grant, sono intervenuti l’On. Vannia Gava, Vice Ministro al Ministero dell’Ambiente e Sicurezza Energetica, l’On. Giuseppina Castiello, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Ing. Andrea Lolli, Responsabile Affari Centrali Enel Italia, il Dott. Riccardo Rigillo, Direttore Centrale della Direzione Generale della pesca marittima e dell’acquacoltura al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il Dott. Roberto Russo, Presidente Network Internazionale “Fispmed Onlus” – Coordinatore dell’Osservatorio Euro Mediterraneo Mar Nero e l’Avv. Francesco Della Corte, Direttore della II Edizione della Scuola di Formazione di FareAmbiente.

Fare Ambiente riconosce, nella linea dedicata agli animali d’affezione di YOUGLAM Beauty Pet, tutte le caratteristiche di ecosostenibilità e adeguatezza nei prodotti per un mercato attento all’ ambiente e al benessere dei nostri amici pelosi.

“Chi insegna ai propri figli il rispetto per l’ambiente e l’amore verso gli animali, forse senza pensarci, sta costruendo un futuro migliore” queste le parole del Managing Director di YOUGLAM in una nostra intervista poco dopo l’evento.

Press Office – Excelsum Publisher

GRANDI EMOZIONI PER I CORTI PROTAGONISTI DELLA SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO IRIS ROMA

Altissimo livello artistico nella competizione ideata da Fabrizio Fazio con la preziosa collaborazione di Barbara Perisse, che ha premiato sei storie capaci di coinvolgere ed emozionare il pubblico.

Fabrizio Fazio, Barbara Perisse

Sabato 26 novembre 2022,il Cinema Don Bosco di Roma ha ospitato la seconda edizione del Premio Iris Roma, il Festival Cinematografico per cortometraggi narrativi ideato ed organizzato da Fabrizio Fazio, fondatore e direttore del Gruppo Fabrizio Fazio Communications, con la collaborazione di Barbara Perisse.

Fabrizio Fazio, Daniele Espositi, Annabella Calabrese, Barbara Perisse

Il Premio Iris Roma, presentato da Barbara Perisse, insieme allo stesso Fabrizio Fazio, ha emozionato la platea con la proiezione di sei emozionanti opere che affrontavano, seppure nel sintetico formato del cortometraggio,  importanti tematiche sociali, storiche, giovanili, culturali e sentimentali, svolte con grandissima capacità tecnica, attraverso narrazioni cinematografiche e interpretazioni artistiche capaci di coinvolgere profondamente le coscienze e l’animo del pubblico.

I corti selezionati hanno lasciato un segno parlando al pubblico dei contrasti sociali tra mondi apparentemente vicini ma inesorabilmente lontani raccontati in Notte Romana, delle problematiche connesse ai social media come le challenge on line de La Regina di Cuori o il revenge porn di Revenge Room.

Hanno commosso fino alle lacrime con lo struggente racconto dei Venti Minuti che hanno cambiato l’intera esistenza di una famiglia ebrea nei rastrellamenti tedeschi del 16 ottobre del 1943 e con la delicata e toccante interpretazione di Massimo D’Apporto e Augusto Zucchi protagonisti di Pappo e Bucco.

Hanno fatto riflettere sulle fragilità sentimentali giovanili e sui rapporti familiari malati raccontati in Bertie mi ha scritto una poesia.

La cantante Carlotta Lepoux ha allietato gli ospiti sulle note di “My Heart Will Go On”, mentre l’attrice Rossella Ambrosini, ospite d’onore della manifestazione, ha presenziato alla cerimonia di premiazione, trasmessa in esclusiva su Teleuniverso, storica emittente regionale del Lazio visibile sul canale 12 del digitale terrestre, che ha visto consegnare i seguenti riconoscimenti:

  • Miglior Regia (Valerio Ferrara per “Notte Romana” e Thomas Turolo per “La Regina di Cuori”)
  • Migliore Sceneggiatura (Vittoria Rizzardi Penalosa per “Bertie mi ha scritto una poesia”)
  • Miglior Fotografia (Alessandro Zonin per “Bertie mi ha scritto una poesia”)
  • Migliore Interpretazione (Massimo Dapporto per “Pappo e Bucco” e Annabella Calabrese per “Venti Minuti”)
  • Miglior Montaggio (Diego Capitani per “Revenge Room”)
  • Migliore Musica originale (Alessandro Speranza per “Revenge Room”)
  • Premio della Giuria popolare miglior cortometraggio (Venti Minuti).

Premio Iris Roma

premioirisroma.it

Facebook

Instagram

Press Office Excelsum Publisher

IL REGNO DI BABBO NATALE PRESENTA:ELFIDEA – PERSONALIZZA IL NATALE A MODO TUO

In questo magico Natale 2022, che per Il Regno di Babbo Natale segna il traguardo del decimo anno di meraviglia, le novità non mancano.

Nasce Elfidea, una linea di decorazioni unica ed esclusiva, che permette a chiunque di personalizzarla con il proprio nome o quello di chi si vuole sorprendere con un regalo speciale. Scopri come fare su http://www.elfideashop.it

Sono decorazioni regalo pensate direttamente dagli Elfetti del Regno di Babbo Natale! Originali, bellissimi, adatti ad ogni occasione e soprattutto legati ai fantastici personaggi che popolano il Regno: dal 100% Elfetto, all’Elfetta, a Steve il Candy Cane, ad Henry lo Schiaccianoci, Rudy e Lampo le Renne di Babbo Natale.

Un’idea regalo sicuramente innovativa, ma al tempo stesso un addobbo anche personale che può riempire l’albero, può essere appeso a qualsiasi parete, alle porte di casa. Insomma, in ogni luogo dove l’atmosfera del Natale la si percepisce a ogni respiro.

Elfidea “rompe” gli argini, poiché per la prima volta questi prodotti originalissimi che sono l’emblema, il marchio indelebile del Regno di Babbo Natale, non saranno reperibili solo nella sede di Vetralla, o nella vendita online. Bensì in tutti i punti Leroy Merlin d’Italia, dove potranno essere tranquillamente trovati negli appositi espositori.

Un modo per tendere la mano a chiunque voglia la sua decorazione personalizzabile Elfidea e che magari per diverse ragioni non può raggiungere il Regno, e preferisca comunque poter scegliere il proprio articolo natalizio di persona.

Ma non solo, perché Elfidea propone anche una vasta serie di prodotti Natalizi con tutti i personaggi del Regno di Babbo Natale come: Jumpers (maglioni Natalizi), Cappellini, Calzette, Puzzles, Peluches, Pins da Collezione, Accessori per la Casa, Fashion Wear e decorazioni da appendere.

Elfidea è il primo passo verso una nuova era del Regno di Babbo Natale, che nel suo cammino continua, comunque, il suo ampliamento e la sua innovazione negli oltre 8000 mq ubicati in una delle più belle zone della Tuscia, e l’industrializzazione dei suoi prodotti originali. Perché Il Regno di Babbo Natale non è semplicemente un luogo incantato. Ma è il Natale, quello vero!

Clicca qui per guardare il video

Anton Giulio Grande omaggia la Calabria

Venezia: omaggio di Anton Giulio Grande alla sua Calabria. Sfila sul red carpet la dieciasettenne Claudia Campana top model emergente della moda internazionale con un abito ispirato all’arte bizantina.

È rosso purpureo il prezioso abito indossato dalla giovanissima Claudia Campana, top model in ascesa sulle passerelle di Armani e Dolce e Gabbana, per il red carpet della settantanovesima edizione della Mostra Internazionale d’arte cinematrografica di Venezia.

Anton Giulio Grande e Claudia Campana

Un omaggio di Anton Giulio Grande alla sua terra impresso in un abito di chiffon interamente ricamato a telaio con disegni geometrici che ricordano stilizzati gli elementi ornamentali dell’arte bizantina.

Anton Giulio Grande e Claudia Campana

Un lungo ed ampio mantello di organza dello stesso colore acceso avvolge l’abito, simbolo di una terra affascinante per la sua bellezza incontaminata e per la sua cultura secolare.

CALICI DI STELLE – I GRANDI VINI DELL’ETRURIA ORIENTALE FICULLE

Il 5 agosto l’evento “Calici di Stelle – I Grandi Vini dell’Etruria Orientale Ficulle”, degustazioni, street food e musica per le vie del borgo medievale di Ficulle

Si terrà il 5 agosto con inizio alle ore 19,00 l’evento enogastronomico “Calici di Stelle – I grandi vini dell’Etruria Orientale Ficulle”, promosso dal Comune di Ficulle, con degustazioni lungo le vie del Borgo Medievale, con street food ed il Festival Internazionale Green Music in Piazzetta.

Una manifestazione che si svolge a Ficulle nell’alto orvietano che mette insieme tre territori con le rispettive strade del vino “Strada dei Vini Etrusco Romana”, del “Nobile di Montepulciano” e “dei Colli del Trasimeno” e due regioni Umbria e Toscana.

Un evento originale, capace di integrare territori straordinari dal punto di vista enogastronomico e di cultura con l’aspirazione di diventare insieme qualcosa di unico nel panorama enoturistico internazionale – come ha dichiarato il Sindaco di Ficulle, Dr. Gian Luigi Maravalle.

Calici di Stelle, evento nazionale dell’Associazione Città del Vino, evento di mezza estate per valorizzare il legame tra vino e territorio, senza tralasciare asset come cultura, accoglienza e turismo.

Cantine e vini di un territorio straordinario, con etichette che esprimono l’alta qualità delle Aziende partecipanti: prioritariamente vini bianchi per le cantine dell’Orvietano, i rossi per le aziende di Montepulciano e rosè per le cantine del Trasimeno, oltre alle eccellenze ficullesi.

Saranno allestiti appositi stands dove un servizio di Sommelier della Fisar saranno a disposizione per illustrare le caratteristiche di ogni singolo vino offerto per la degustazione e dove le Aziende potranno svolgere anche attività di promozione dei propri prodotti.

Nell’ambito di questa iniziativa, prenderà il via la prima puntata del “DiVin Salotto”, un progetto di comunicazione web radio internazionale della Strada dei vini Etrusco Romana “Divin Salotto” a cura di MaMa communication e la redazione di Italian’s news e Italian’s News Radio (www.italiansnews.it) . Un programma Tv ed un’attività che coinvolgerà le cantine, le attività turistiche, gli eventi ed i diversi territori – come dichiarato dal Presidente Dott. Luigi Petrangeli.

Per ulteriori informazioni consultare i siti internet:

 www.stradadeivinietruscoromana.comwww.comune.ficulle.tr.it

Marina Bertucci

Ufficio stampa MaMa Comunnication

Email: bertucci1952@yahoo.com

Fara Film Festival, al via la terza edizione: tra gli ospiti Giancarlo Giannini e Riccardo Scamarcio

Dal 20 al 24 luglio il festival internazionale di cinema ideato da Riccardo Martini e diretta da Daniele Urciuolo con 44 proiezioni delle quali 36 in concorso

Attesi anche Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Anna Safroncik, Eleonora Giorgi, Francesco Pannofino e tanti altri

Proiezioni sotto le stelle e incontri con i protagonisti del cinema italiano a Fara in Sabina, suggestivo borgo antico in provincia di Rieti. Dal 20 al 24 luglio torna il Fara Film Festival (www.farafilmfestival.com), concorso internazionale di cinema, arte e enogastronomia ideato da Riccardo Martini, prodotto da Martini Eventi in collaborazione con Alfiere productions e diretto da Daniele Urciuolo, che ha l’obiettivo di promuovere il legame tra il territorio della Sabina e la settima arte, ossia il cinema, sia dal punto di vista artistico-culturale sia come volano economico strategico territoriale.

I vicoli del borgo medievale saranno illuminati come un set cinematografico, e le splendide Piazza Duomo e Piazza Garibaldi saranno la culla degli eventi in programma. Serata d’apertura mercoledì 20 luglio con la proiezione alle ore 21.30 del documentario “La voglia matta di vivere” in occasione dei cento anni di Ugo Tognazzi, anticipata da un talk con Ricky Tognazzi e Simona Izzo, Francesco Pegoretti, Federico Ielapi.

Il programma di giovedì 21 luglio vedrà sul palco Francesco Pannofino, Eleonora Giorgi, Emy Bergamo, Andrea Roncato, Elisabetta Pellini, Maurizio Rigatti, anticipare la proiezione di “Selfiemania”, mentre venerdì 22 luglio sarà la volta di Riccardo Scamarcio e Anna Safroncik prima del film “Io che amo solo te”.

Eleonora Giorgi con Riccardo Martini e Daniele Urciuolo

Sarà Giancarlo Giannini l’ospite d’onore di sabato 23 luglio, insieme alla storica press agent Paola Comin, con la proiezione di “Pasqualino Settebellezze”. In chiusura domenica 24 luglio ospiti Umberto Smaila, Pierluigi Di Lallo, Giorgia Fiori, Alessandro Gatto e Virginio, per l’evento di premiazione delle opere in concorso e la proiezione del film “Troppa famiglia”.

A giudicare le 36 opere in concorso, suddivise in quattro sezioni (cortometraggi italiani, internazionali, a tematica sociale, d’animazione) saranno Eleonora Giorgi, presidente onorario; Chiara Del Zanno, giornalista; Maurizio Rigatti, regista; Elisabetta Pellini, attrice; Alessandro Parrello, regista e produttore; Eleonora Farneti, referente rassegna cinematografica “Parliamo di donne” di Cantalupo in Sabina, gemellata con il Fara Film festival, Niccolò Gentili, attore, regista e sceneggiatore; Serena Tateo, sceneggiatrice. Le opere saranno proiettate nel pomeriggio a partire dalle ore 17.30 al Palazzo Martini di Fara in Sabina.

Le serate saranno condotte da Renzo Di Falco, Giorgia Fiori, Andrea Venditti, Emanuele Rauco, Fabiola Dalla Chiara, Agata Fortis, Ilenia Cavaliere e Gianluca Chiadroni.

“Dopo il successo della scorsa edizione abbiamo cercato di regalare al nostro pubblico un sogno, un grande evento di cinema in piazza, gratuito, con ospiti di livello nazionale e internazionale, basti pensare agli oltre dieci David di Donatello vinti tra Giancarlo Giannini, Ricky Tognazzi e Francesco Pegoretti che saranno presenti a Fara in Sabina tra il 20 e il 24 luglio. Quest’anno ci aspettiamo visitatori dalla provincia di Rieti, da Roma e anche da altre regioni, a conferma che questi eventi aiutano la promozione turistica della nostra amata Sabina. Devo altresì ringraziare l’amministrazione tutta, la provincia, la regione e tutti gli sponsor che ci stanno sostenendo perché oggi non è facile organizzare un festival del genere da soli”, così il presidente e ideatore Riccardo Martini.

“L’indirizzo artistico scelto per il festival è quello di dare spazio e voce a quel cinema indipendente che spesso fa fatica ad emergere ma che è il cuore pulsante di questa industria così affascinante. Porteremo a Fara in Sabina i maestri del cinema italiano, che hanno reso la nostra nazione simbolo nel mondo della settima arte”, così il direttore artistico Daniele Urciuolo.

A completare l’offerta del Fara Film Festival ci sarà la parte enogastronomica, fiore all’occhiello della manifestazione, dove sarà data agli ospiti la possibilità di partecipare a degustazioni a Palazzo Martini, a Piazza Garibaldi sarà allestito un punto ristoro per tutti mentre le cene di gala con spettacolo si terranno a piazza Duomo con vista su Roma.

Il Fara Film Festival è realizzato grazie ai partner istituzionali Regione Lazio, Provincia di Rieti, Città di Fara in Sabina, Pro loco di Fara in Sabina e Fondazione Varrone, main Sponsor Colle del Contadino, Sponsor Engineering 2K spa, In opera, Cogetras, Farmacia Passo Corese, Edilcasa immobiliare, Consorzio Sabina DOP, Techbau Engineering & Construction, MOVI.LOG, Edoclean, SARTE telecomunicazioni, CDF logistic services, Car Camper, Vita flex materassi, Casale del Giglio.

ROMA: SKIN ANALYZER BY MIAMO PER IL TEST DELLA PELLE IN FARMACIA

Elena Aceto di Capriglia, Presidente di Medspa Srl: ricerca e tecnologia in aiuto della nostra pelle

Un incontro prima delle vacanze per conoscere la nuova tecnologia dedicata alla bellezza. Elena Aceto di Capriglia – fondatrice e presidente di Medspa – ha voluto incontrare amiche ed amici nella Capitale per far conoscere la nuova tecnologia a sostegno della ricerca per la salute e bellezza della pelle.

Presso la farmacia Spadazzi, in zona Ponte Milvio, si è tenuto il beauty happening dedicato a Skin Analyzer, macchinario rivoluzionario in grado di penetrare sempre più in profondità negli strati della pelle e studiarne tutte le imperfezioni.

Un nuovo approccio alla soluzione delle problematiche legate alla nostra pelle” – ha spiegato al gruppo stampa chiamato a raccolta dal press agent Emilio Sturla Furnò. “Un’analisi approfondita seguita da una specifica e personalizzata beauty routine, sono l’iter più corretto ed efficace verso salute e bellezza“.

Elena Aceto di Capriglia, Presidente di Medspa Srl

Ad assistere alla dimostrazione del funzionamento di Skin Analyzer by Miamo erano presenti, tra gli altri, Nadia Alese, Stefania Vaghi, Erika Gottardi e Massimiliano Piccinno, Angela Cotticelli, Silvia Signorelli, Sara Leoni, Andrea Iannuzzi.

La giornalista Nadia Alese

Da tempo, Miamo offre l’opportunità di effettuare gratuitamente un’analisi della pelle con il macchinario MIAMO SKIN ANALYSER in numerose farmacie in Italia.

La Dr. ssa Elena Aceto di Capriglia con Silvia Signorelli

L’analisi del viso attraverso tecnologia avanzata” – ha sottolineato Aceto di Capriglia – “si conferma un’esperienza di interattività veloce ed efficace per identificare fino a dieci problematiche cutanee superficiali e profonde. Dalle macchie ai pori, dalle rughe alla texture, fino a porfirine, macchie UV, umidità e pigmentazione. Bastano 25 secondi, attraverso parametri altamente specifici per il proprio test della pelle“.

Il giornalista Andrea Iannuzzi
La Dr. ssa Elena Aceto di Capriglia con Silvia Signorelli con la giornalista Erika Gottardi
La Dr. ssa Elena Aceto di Capriglia con Stefania Vaghi

ELENA ACETO DI CAPRIGLIA, PRESIDENTE DI MEDSPA

Farmacista, imprenditrice, Elena Aceto di Capriglia rappresenta quella categoria di donne italiane caparbie e visionarie che hanno saputo coniugare perfettamente famiglia e carriera, dando valore ad entrambe.

Proveniente da un’antica famiglia aristocratica e con una formazione universitaria in farmacia, la manager, appena vent’enne, fonda l’Istituto Italiano di Chirurgia Ambulatoriale, aprendo centri di chirurgia in Italia ed all’Estero.

Nel 2006 Elena Aceto di Capriglia fonda Medspa® che, oltre ad ambulatori medici inizia ad occuparsi di produzione di prodotti per la cura della pelle.

Nel 2012, l’imprenditrice – assieme ai due figli Camilla e Giovanni – concretizza il progetto iniziale trasformandolo in una grande realtà imprenditoriale in cui convivono Miamo con la Skin Professional e Nutraiuvens.

Un progetto nato da un sogno” – spiega Aceto di Capriglia – “Un nuovo modo di avere cura di sé, proponendo al pubblico un supporto professionale e puntuale e dando soluzioni per tutte le esigenze del consumatore sulla base di moderne ricerche scientifiche in tema di cosmetica funzionale”.

Da qui la mission che si riassume nel pay off Healthy Skin System, ovvero mantenere la pelle in salute raggiungendo uno stato di benessere cutaneo rivolto a tutte le età della vita. Un traguardo raggiungibile solo grazie a protocolli personalizzati e prodotti altamente professionali.

A dieci anni dalla sua nascita, Medspa® si dimostra concentrata nella cosmetica funzionale attraverso prodotti caratterizzati da alte concentrazioni di attivi ed elevata biodisponibilità ed in nutraceutica nello sviluppo di una linea di integratori.

Siamo l’unico brand presente nelle farmacie” – conferma l’imprenditrice – “che lega il banco etico al dermocosmetico creando la sinergia ideale per dare valore alla sede e al consiglio professionale, diventando punto di riferimento per il cliente a 360°”.

Un successo che arriva rapidamente e che fonda le basi nel legame famigliare, in particolare tra le due donne dell’azienda: Elena e Camilla. Un sodalizio perfetto che coniuga tradizione ed innovazione attraverso l’arricchente dialogo tra due generazioni; la passione per la cosmetica è il trait d’union tra la storia e l’esperienza.

Innovazione, scientificità, efficacia, inclusività e sostenibilità” – sottolinea Elena Aceto Capriglia – “sono i valori cardine della nostra azienda e parole chiave per raggiungere i nostri obiettivi, in primis la garanzia di benessere per ogni tipo di pelle. I nostri cosmetici funzionali, infatti, utilizzano principi attivi accuratamente selezionati dalle migliori materie prime e sono capaci di svolgere azioni mirate e di provata efficacia. Abbiamo strutturato un sistema di protocolli chiamato Miamo System al fine di agevolare un percorso personalizzato di benessere cutaneo grazie alla combinazione di più prodotti a seconda delle proprie esigenze, accedendo così a un trattamento della pelle di qualità ed efficacia superiore. L’applicazione di sieri e creme segue una logica sequenziale che rispetta la fisiologia cutanea e ne interpreta le regole biologiche, in modo da garantire la salute e la bellezza della pelle”.

Numerosi e fondamentali i passi del gruppo presieduto da Elena Aceto di Capriglia: tra i tanti successi nella storia di Medspa®, la conquista del premio Cosmofarma 2017 con il prodotto GF5 Glutatione.

Nell’anno successivo (2018) nasce Epigenage®, che segna un passo importante nello studio dell’Epigenetica, branca che analizza le interazioni tra tutti i fattori ambientali e il nostro DNA. Da qui la nascita della linea Age Reverse basata su un particolare ed esclusivo pool di attivi che ha dato il via ad un nuovo modo di interpretare il concetto di skincare. La linea ottiene un patent nel 2020.

Donna vulcanica ed instancabile, Elena Aceto di Capriglia, è sempre impegnata a diffondere i pilastri fondamentali della sua azienda avendo un occhio attento, in particolare su attività solidali ed ecosostenibili.

Riguardo al successo la manager sorride e ricorda che “il raggiungimento di un traguardo non è mai privo di ostacoli e sacrifici; un percorso in salita sostenuto dall’amore e lo studio per ciò in cui si crede. Solo così si ottengono i risultati. L’importante è fare sempre la differenza”.

NASTRI D’ARGENTO, GRANDE: “UN BEL SEGNALE PER IL CINEMA ITALIANO E PER LA CALABRIA”

I Nastri d’argento 2022 premiano anche film girati in Calabria e giovani interpreti calabresi. Consegnati ieri sera i riconoscimenti, assegnati dal Sindacato nazionale giornalisti cinematografici, nel corso della cerimonia svoltasi al Maxxi di Roma (mercoledì 22 giugno, sulla serata, uno speciale su Rai Movie).

Desidero esprimere il nostro plauso ai premiati – ha dichiarato Anton Giulio Grande, Commissario straordinario della Fondazione Calabria Film Commission, presente ieri a Roma per la cerimonia di consegna dei riconoscimenti  –  un bel segnale per il cinema di Calabria e per quello italiano. Voglio inoltre sottolineare lo splendido lavoro di Laura Delli Colli che con stile ha diretto questa manifestazione così prestigiosa”. 

Anton Giulio Grande – Red Carpet Nastri d’Argento

Tra i vincitori della 76a edizione del premio, dunque, anche film girati in Calabria e sostenuti dalla Calabria Film Commission: parliamo di “Freaks out”, di Gabriele Mainetti, che ha ottenuto tre Nastri d’argento (scenografia, curata da Massimo Sturiale, che si è aggiudicato il riconoscimento anche per “Il materiale emotivo”; costumi, realizzati da Mary Montalto; montaggio, curato da Francesco Di Stefano), de “Il buco”, di Michelangelo Frammartino, che ha ottenuto il Nastro per il sonoro (Simone Olivero e Paolo Benvenuti in presa diretta, con Benny Atria, Marco Saitta e Matteo Gaetani), e di “Una femmina”, la cui interprete, Lina Siciliano, ha ottenuto il premio speciale per i giovani intitolato a Guglielmo Biraghi.

Anton Giulio Grande e Pierfrancesco Favino ai Nastri d’Argento

Un altro premio speciale per i giovani,  il premio “Graziella Bonacchi”, è stato assegnato a Swamy Rotolo (già vincitrice del David di Donatello come migliore attrice protagonista) per “A Chiara”. Sempre per “A Chiara”, era già stato reso noto in precedenza ed è stato consegnato ieri sera il Nastro speciale al regista Jonas Carpignano.

È ALESSANDRO RIVERA, DIRETTORE GENERALE DEL TESORO, IL CANOVIANO D’ONORE 2022

La Proclamazione del Canoviano d’Onore si è svolta il 13 giugno negli eleganti spazi della Terrazza Caffarelli, sopra ai Musei Capitolini in Campidoglio, offerta al Club dal Socio Azienda Atos.

Matteo Del Fante-Alessandro Rivera-Stefano Balsamo

Oltre 200 eccellenti ospiti, hanno potuto godere della splendida vista su Roma e applaudire il Canoviano d’Onore 2022: Alessandro Rivera, Direttore Generale del Tesoro, eletto dai Soci del Canova Club e premiato dal Presidente Stefano Balsamo e da Matteo Del Fante, AD di Poste Italiane.

Matteo Del Fante-Alessandro Rivera-Stefano Balsamo

Durante la premiazione è stato evidenziato il percorso professionale ed umano del vincitore, che ha poi commentato l’attuale congiuntura economica italiana, chiaramente influenzata dagli eventi internazionali in corso.

Matteo Del Fante-Alessandro Rivera

Fra gli ospiti di questa straordinaria serata Maria Bianca Farina, Presidente di Poste Italiane, Franco Bassanini, Presidente di Open Fiber, Vincenzo Cammarata, Head of Finance di Atos, sponsor della serata, e Michele Croci, Managing Director di J. P. Morgan.

Marina Bianca Farina
Matteo Del Fante-Alessandro Rivera-Stefano Balsamo
Stefano Balsamo, Maria Rosaria Montiroli

Al termine della premiazione, Pino Insegno ha interpretato una divertente presentazione del suo libro “La vita non è un film” e, a chiudere, le note di ‘Quanto sei bella Roma’ con la voce più autorevole della canzone romana di Elena Bonelli.

Pino Insegno
Elena Bonelli

Un successo annunciato, grazie all’importanza dell’evento all’interno del calendario del Canova Club oltre che alla bellezza della sede scelta e al prestigio del pubblico presente.

Stefano Balsamo, Pino Insegno

Un obiettivo raggiunto grazie all’impegno del team eventi, con Alida Tua, Olga Lapis, Sabina Ciuffa, Adele Lax ed Edoardo Renzi e al coinvolgimento dello staff di accoglienza, con Letizia, Giulia, Fiamma, Alessio, Richmon e Costanza.

SENSUAL DANCE FIT RED CARPET TOUR

Carolyn Smith incontra le sue ladies delle scuole capitoline

Arriva a Roma il tour che coinvolge insegnanti ed allieve di SDF, il programma di danza e motivazione creato da Carolyn Smith seguito da oltre diecimila donne in tutta Italia per condividere femminilità e fiducia in sé stesse

Domenica 5 Giugno 2022

dalle ore 12.00 alle ore 16.00

Hotel Sheraton Parco De’ Medici

Viale Salvatore Rebecchini 39

ROMA

Club
Arriva nella Capitale il lungo tour di due mesi pensato da Carolyn Smith per incontrare di persona le sue migliaia di allieve in tutta Italia iscritte al progetto Sensual Dance Fit, programma per sole donne concepito per aiutarle a ritrovare la propria sensualità e femminilità attraverso semplici passi di ballo e movimenti di fitness. 

Carolyn Smith

Dopo il successo di Milano, Torino, Bari e Pescara il Red Carpet Tour si tiene domenica 5 Giugno 2022 – dalle ore 12.00 alle ore 16.00 – presso gli spazi dell’Hotel Sheraton Parco De’ Medici in Viale Salvatore Rebecchini 39 a Roma, dove sono attese oltre duecento tra insegnanti ed allieve di Sensual Dance Fit, per ritrovarsi assieme in un incontro esclusivo con Carolyn Smith. 

Il tour tocca le principali città italiane dove sono già attive cento trenta scuole del progetto. Oltre diecimila le donne di tutte le età che partecipano ai corsi ideati dalla nota dance coach internazionale e presidente di giuria dello show televisivo Ballando con le stelle del sabato sera su Rai Uno. 

Otto gli incontri tra Carolyn Smith e le sue scuole: dopo Pescara, il percorso prosegue nelle seguenti città: Roma (5/06), Firenze (10/06), Treviso (11/06) e Palermo (18/06).

Carolyn Smith saluta le Ladies di SDF

Il progetto SDF

Sensual Dance Fit – spiega Smith – “è nato in origine per rispondere alle fatiche del mio percorso oncologico. Desideravo ritrovare me stessa, la mia femminilità, la coordinazione e la grazia che spettano ad ogni donna e, in particolare, ad una danzatrice. Dopo un lungo periodo di tempo di riflessione su quello che potevo fare per dopo un lungo e forzato stop, ho deciso di ritornare nel mio studio di ballo e l’idea ha preso forma”.

Dal 2015, quando ricevette la prima diagnosi di tumore al seno, Carolyn era stata costretta ad un percorso di cure e riposo. Poi, nel dicembre del 2016, l’idea di creare qualcosa. “Lo sostengo da sempre: la danza si rivela un potentissimo guaritore capace di risolvere numerose problematiche che la vita porta. Iniziai a creare qualcosa ad hoc solo per me, tenendo conto delle difficoltà e dei limiti cui ero sottoposta.” racconta.

Uno specchio ed una sedia. Niente altro. Le prime coreografie di quel progetto embrionale apparivano già fonte inesauribile di nuove idee. “Un progetto nato come risorsa personale” – sottolinea l’artista – “che pian piano prendeva forma dando risultati straordinari. Benefici immediatamente tangibili, non solo a livello fisico, ma anche a livello emotivo e psicologico”.

Da qui l’idea di voler condividere i primi risultati e l’invito rivolto ad un primo gruppo di amiche padovane a provare le coreografie dagli effetti taumaturgici. Sono bastate poche lezioni per comprendere che l’impatto del neonato progetto avrebbe potuto essere più vasto di quello immaginato. “L’intruso, come io sono solita definire la malattia” – afferma sorridendo Carolyn – “aveva avuto libero accesso nel mio corpo senza invito e mi aveva creato diversi problemi. Ma non potevo accettarlo. Ero e sono fermamente convinta che ogni donna ospiti dentro di sé un intruso: una relazione che non funziona bene, un lavoro stressante, difficoltà economiche, problemi di salute. Criticità che la vita propone senza preavviso. Barriere ed inciampi arrivano e non è giusto dar loro spazio; ogni donna ha diritto di liberarsi del proprio intruso e di ritrovare sé stessa”.

Marilyn Monroe position, Vogue Passion, Flamenco Fire… un susseguirsi di eleganti passi di ballo e delicati movimenti delle braccia si muovono in armonia con lo sguardo puntato diritto verso l’immagine riflessa nello specchio. Un percorso fuori dagli schemi, di crescita e motivazione vissuto giorno per giorno. Unica compagna, la sedia, un sostegno inusuale e sicuro.

Sulla base di questa consapevolezza e dei risultati oggettivi del programma, nel febbraio del 2017 inizia la maratona di condivisione iniziando con cinque scuole di ballo scelte per prime sul territorio italiano. Un progetto pilota che porta immediatamente risultati incredibili e che oggi – a distanza di pochi anni, conta oltre centotrenta scuole in tutta Italia con oltre diecimila allieve di tutte le età.

Sensual Dance Fit: momento di danza e condivisione

Le realtà di Sensual Dance Fit sono molteplici: dalla grande metropoli alla cittadina di provincia. Un successo spontaneo quanto rapido. Un “miracolo non programmato” secondo Carolyn, che si manifesta su tutte le “sue donne”.  

Risultati tangibili e spesso inaspettati: “Una postura più elegante è già un modo per affrontare il mondo con una migliore attitudine, e aumentare la propria autostima. Tra le mie ladies c’è chi, ad esempio, ha iniziato finalmente a truccarsi, chi ha rinnovato il proprio guardaroba, chi ha osato con i tacchi alti” – rivela l’artista – “Ma c’è anche chi ha trovato lavoro, nuovi amici o un partner di vita. L’importante è ricentrarsi, crederci ed essere determinate”.

Carolyn Smith con il team SDF

Questo perché Sensual Dance Fit è uno stile di vita il cui effetto non si esaurisce al termine della lezione, ma ha la capacità di trasformare le donne da dentro, attivando nuove ed inaspettate risorse per aumentare l’amore per sé stesse, la fiducia, la femminilità. 

Per supportare le donne in questa trasformazione, oltre alle straordinarie coreografie di Carolyn, due elementi fondamentali: la leadership delle insegnanti Sensual Dance Fit e la sorellanza tra le allieve.

Noi siamo un progetto di eccellenza e desideriamo che le nostre insegnanti siano le prime a sperimentare il cambiamento” – precisa Carolyn – “ecco perché offriamo loro tre volte l’anno una formazione a 360° che include, oltre alla danza, molte altre discipline tese alla crescita personale”.

Il potere della sorellanza in Sensual Dance Fit è incredibile. Un gruppo di donne che si unisce e si supporta per un intento comune, quale il riprendere ad amarsi, riesce ad ottenere un impatto esponenziale. Le donne smettono di farsi la guerra, di confrontarsi le une con le altre e iniziano ad aiutarsi a vicenda, perché in fondo hanno gli stessi problemi e desiderano le stesse cose. Il motto del gruppo è: “se da sola sono forte, insieme ad altre donne posso cambiare il mondo”.

Sensual Dance Fit è un progetto molto aperto all’innovazione ed in continua evoluzione. Tra le idee più recenti, quella delle Ambasciatrici SDF impegnate su tematiche di carattere sociale.

Ci piace pensare alle nostre allieve come a donne felici e realizzate” – chiosa Carolyn – “donne che credono nella sorellanza e, per esteso, nella solidarietà. Condividiamo un desiderio e lo supportiamo unite per realizzarlo. Desideriamo sostenere un cambiamento positivo nel mondo.

Sito web: sensualdancefit.it/

Facebook: facebook.com/SDFItalia

Instagram: instagram.com/sensualdancefit_ita/

Press Office

Emilio Sturla Furnò – info@emiliosturlafurno.it