IL SUCCESSO DI NOTE DI STILE 2022

La Terrazza Belvedere dei Cappuccini applaude gremita all’evento di moda e musica d’autore

«A questi luoghi mi legano i ricordi dell’amore. Non vedo l’ora di fare questo viaggio nell’arte con voi» ha detto la conduttrice Adriana Volpe.

Adriana Volpe, Luigi Auletta, Luana Ferrajoli

In passerella Ferdinand Concept, Impero Couture, Luisa Positano, Amlè, Bijoux dell’Anno e le 18 creazioni in prestito grazie all’accordo con la Dalì Universe diretta da Roberto Pantè.

Luigi Auletta , Adriana Volpe , Piergiorgio Sangritano Sindaco di Sant Agnello e Luana Ferrajoli

La colonna sonora è a firma di Simona Molinari e Walter Ricci: la loro “Maruzzella” è da brividi sotto le stelle.

La serata è stata trasmessa sabato 25 giugno alle 20 30 canale 68 Digitale Terrestre e Sky 5068.

La giornalista Grazia Pitorri con Adriana Volpe

Sorrento (Na), 23 giugno 2022 – Un viaggio nella moda e nell’arte, tra le stoffe e le note, l’estro creativo degli artisti che hanno scritto la storia e gli stilisti del futuro. Il tutto su uno sfondo mozzafiato, sotto le stelle, a picco sul mare.

Luana Ferrajoli

Ecco le emozioni di Note di Stile 2022, II edizione evento unico, particolarmente suggestivo, seducente, affascinante, ideato e diretto da Luana Ferraioli, già ideatrice e organizzatrice internazionale di grandi eventi.

Luana Ferrajoli – Mimmo Contessa

«Sono emozionata, contenta, entusiasta – ha detto Luana Ferraioli – questa serata segna la ripartenza dell’arte e infatti ho scelto come sottotitolo della II edizione di Note di Stile la parola rinascita. Che sia un nuovo inizio per tutti. Grazie a quanti hanno reso possibile la realizzazione di questa kermesse, l’amministrazione comunale nella persona del Sindaco di Sant’Agnello, Piergiorgio Sagristani, e di tutti coloro che non smettono mai di sostenere le mie iniziative, appuntamenti che tra l’altro guardano sempre anche all’azione benefica».

Elena Aceto di Capriglia con il marito Camillo D’Antonio. Elena è presidente di Medspa, società che raggruppa Miamo e Nutraiuvens, sponsor dell’evento

Note di Stile supporta infatti Donation Italia. Presente alla kermesse il Presidente Luigi Bisogno e il vicepresidente Stefano Pagliara molto contenti dell’attenzione data all’associazione nazionale nata per promuovere la Cultura del Dono, intesa come fratellanza, solidarietà e rispetto dei diritti umani.

Appassionata del bello da sempre, post pandemia, l’ideatrice ha respirato a pieni polmoni tutta l’energia che trasmettono i musei e da lì ha tratto l’ispirazione per questa passerella che ha in sé tutte le sfaccettature dell’arte.

Grande successo martedì sera a Sant’Agnello: sulla Terrazza Belvedere dei Cappuccini in Penisola Sorrentina Adriana Volpe ha condotto una serata magica in cui nulla è stato lasciato al caso.

«Sono molto felice di essere qui, a questi luoghi mi legano i ricordi dell’amore, sono profondamente legata a questa terra. Non vedo l’ora di condividere con voi la magia di questa serata in un posto straordinario», ha detto la presentatrice bellissima nel suo abito lungo in tulle color anice che ha annunciato anche che, dopo essere stata concorrente e opinionista del Grande Fratello, è tempo per lei di ritornare alla conduzione di un programma al momento ancora in via di definizione sulle reti Mediaset.

In passerella hanno sfilato gli abiti d’alta moda di Ferdinand Concept, giovane rappresentante del Made in Italy vincitore del premio Miglior Stilista in occasione dell’ultima fashion week, Impero Couture, il marchio che, grazie allo spirito imprenditoriale e all’energia coinvolgente del fondatore Luigi Auletta è diventato il punto di riferimento nel mercato nazionale della moda cerimonia, Luisa Positano, che dagli anni ’60 fa dell’artigianalità il suo punto forza (ha vestito Liz Taylor, Sofia Vergara e molte altre star hollywoodiane in visita a Positano) Amlè, brand di gioielli campano che nella bellezza del corno trova il suo miglior biglietto da visita e Bijoux dell’Anno, gioielli artigianali per donne raffinate e amanti del buon gusto.

Nel mezzo 18 creazioni che raccontano la geniale creatività di Dalí: i capi in esposizione ancora per poco presso il Museo mineralogico di Vico Equense nell’ambito della mostra ‘Salvador Dalí – Luce. I Tesori del Maestro’, per la prima volta sono passati dalle teche alle modelle che indossandoli hanno restituito luce, vita e lustro alle visioni surrealiste dell’artista catalano, firmate da stilisti di fama nazionale e internazionale, come Trussardi, Moschino, Azzaro e molti altri. Enorme la soddisfazione di Roberto Pantè, direttore creativo della Dalì Universe, che si è detto letteralmente meravigliato dal defilè che avveniva per la prima volta.

Ospite della serata anche Benedetta De Luca, “Gender and Inclusion Editor” per Mondadori media. «La mia vita è un successo, nessun medico ci credeva. Accettarmi non è stato facile ma oggi mi guardo allo specchio e mi piaccio, mi voglio bene. Dobbiamo accettarci con tutti i difetti. La bellezza è un’altra cosa, è un fatto interiore», ha spiegato dal palco.

A fare da colonna sonora due voci straordinarie: Walter Ricci e Simona Molinari. Lui, cantautore e musicista di origini partenopee, ha duettato con artisti del calibro di Michael Bubblè, Richard Bona e George Benson, lei, cantautrice popjazz, disco d’oro a Sanremo, ha duettato con Bocelli e Al Jarreau. Sul palco in più momenti, i due artisti hanno regalato alla platea gremita di Sant’Agnello anche un meraviglioso duetto sulle note di “Maruzzella”.

La serata è stata trasmessa su rete nazionale sabato 25 giugno alle 20.30 canale 68 Digitale Terrestre e Sky 5068.

Per ulteriori info notedistile.it

TORNA LA LIGURIA FASHION WEEK

Santa Margherita Ligure si tinge dei colori dell’Alta Moda con l’attesissima, nuova edizione della Liguria Fashion Week che si svolgerà nella storica Villa Durazzo

Gli organizzatori: Margherita Ficara con la giornalista Grazia Pitorri e le modelle

Avrà luogo domenica 26 Giugno 2022 la seconda edizione della Liguria Fashion Week, nella suggestiva e storica Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure (Ge). La manifestazione, che inizierà alle ore 20.30 e sarà su invito, è organizzata dall’associazione Aurora Boreale, i cui presidenti sono la Dottoressa Margherita Ficara e  il Dottor Marco Quaini ed è patrocinata dalla Regione Liguria e dal Comune di Santa Margherita Ligure .

Gli organizzatori: Margherita Ficara, Marco Quaini con la giornalista Grazia Pitorri

Reduce dal successo della prima edizione che ha ottenuto un notevole eco nazionale, la Liguria Fashion week vuole essere una passerella di moda sia per stilisti già affermati che per quelli emergenti, uniti per promuovere sempre il grande valore del Made in Italy. Gli stilisti emergenti, in parte liguri, presenteranno le loro creazioni ad una giuria di esperti del settore presieduta dalla giornalista di moda e costume Grazia Pitorri, nota a livello nazionale, ma ligure d’adozione ed alle istituzioni presenti, tra cui il Sindaco di Santa Margherita Ligure, Paolo Donadoni.

La giornalista Grazia Pitorri

La serata, articolata in due momenti moda ben definiti: una prima parte presentata da Marco Quaini con Grazia Pitorri ed una seconda con la conduttrice alassina Nadia Aghittino, volto noto a Mediaset e vedrà inoltre la partecipazione di noti personaggi del mondo della moda e dell’imprenditoria e del giornalismo.

Nadia Aghittino

La prestigiosa kermesse sarà aperta con la presentazione di alcuni capi del noto stilista e couturier Anton Giulio Grande.

Villa Durazzo

Durante la serata saranno consegnati importanti riconoscimenti, tra cui il Premio alla Carriera alla stilista Carmen Clemente,mentre la ricchissima passerella vedrà in scena per le eccellenze:Michele Casto, Simona Gullotta, Eva Sciascia, Gabriela Rigamonti, Jabel gioielli (autore delle preziose targhe personalizzate provenienti dalla Sicilia), Maria Pia Grasso, Carmen Vulcano.

Gli stilisti finalisti che si contenderanno l’ambito premio Moda e Creatività saranno: Elizabhet Luz, Flora Capucci, Greta Saponaro, Simona LAB33, Rachele Buccino, Patrizia Zunino, Elisabetta Serra.

Le modelle

Anche la bellezza è tra i protagonisti di questo elegante evento. Infatti è previsto sul palco l’intervento del dott. Ivano Ambrosio che presenta, in anteprima per la Liguria, la skin-routine ideata in esclusiva per la Swiss Merge for you, innovativo trattamento nella cosmetica d’avanguardia personalizzata del viso, in grado di ridonare giovinezza e elasticità anche, e non solo, alle pelli più mature.

L’evento è gemellato con “Talenti per la moda” che si svolgerà nel mese di agosto nello splendido scenario dell’Arena di Reggio Calabria. Il vincitore del premio Moda parteciperà di diritto a questo importante evento italiano.

In chiusura della serata, la pittrice e stilista Milena De Martino, titolare di Miladyartist donerà una sua opera alla città di Santa Margherita ligure.

L’accesso all’evento sarà consentito solo con l’invito ufficiale ed individuale.

Per info e accrediti:

Liguria Fashion week

Organizzazione

Margherita Ficara – T +39 392 247 4923

PRELIBATEZZE, STILE ED ELEGANZA AL BOA SORTE DI ROMA

Boa Sorte, ristorante di sushi fusion con due sedi già attive in Calabria, ha aperto le sue porte nel cuore di Roma (via della colonna Antonina 48), nel mese di Luglio 2021. Vi consigliamo di cominciare il nuovo mese di giugno in perfetto stile…Sushi-fusion.

Boa Sorte – Roll

Sapori nuovi, accostamenti ricercati e materie prime di alta qualità. Può dirsi forse questo il “segreto” del ristorante BOA SORTE (in portoghese il nome vuol dire ‘Buona fortuna’) sito nel cuore della Capitale in centro città.

Boa Sorte – Piatto

Un travolgente iter culinario tra i sapori della cultura giapponese e hawaiian-brasiliana. Il “viaggio” si svolge in una location elegante e raffinata, curata nei minimi dettagli, ideale per trascorrere una serata all’insegna di un’esperienza culinaria originale e sempre nuova.

Boa Sorte – Chef

Claudio Giannini, il proprietario, ha dichiarato:

Boa Sorte si propone nella Capitale non solo come sushi fusion, ma anche come ristorante di piatti caldi, ricercati e derivanti dalla tradizione nippo-brasiliana. Oltre ai classici giapponesi (sashimi, nigiri, maki rolls ecc…), è possibile gustare le tipiche Poke’ hawaiane e primi e secondi piatti proposti dal nostro Chef brasiliano”.

Boa Sorte – Martina Di Maria

Quanto alla drink list proposta, precisa l’ufficio stampa Roberta Nardi, è a disposizione dei clienti una selezione di birre giapponesi, sakè, liquori oltre ovviamente ai vini: selezioni di bianchi, rossi e rosè con un’attenzione particolare alle bollicine.

Boa Sorte – Alessandro Calabrese

Va detto poi che qui “non è solo food” ma anche divertimento, serate ed eventi che non tarderanno ad arrivare con la bella stagione. Sì, Boa Sorte non è soltanto sinonimo di prelibatezze, stile, eleganza e gusto ma si stanno ideando e mettendo in programmazione anche suggestivi appuntamenti musicali.

Boa Sorte – Luca Muccichini
Boa Sorte – Lorenzo Tiberia
Boa Sorte – Barbara Politi

E’ GIRATO IN CALABRIA “ALLA SALUTE”, IL NUOVO VIDEOCLIP DI LORENZO JOVANOTTI

Realizzato in collaborazione con Fondazione Calabria Film Commission e finanziato nell’ambito del programma “Calabria Straordinaria” Assessorato Turismo e Marketing Territoriale della Regione Calabria

Si sono concluse le riprese di Alla salute, il nuovo videoclip di Lorenzo Jovanotti girato in Calabria. 

Lorenzo Jovanotti con Anton Giulio Grande, Presidente della Fondazione Calabria Film Commission – Foto dal web 

Firmato da Giacomo Triglia, regista calabrese tra i più apprezzati della scena musicale italiana, il video prodotto da Capitol /Universal si avvale della produzione di Borotalco TV ed è stato realizzato tra Scilla e Gerace.

Nel video Lorenzo ospita un artista internazionale d’eccezione: Shantel il produttore, cantante e disc jockey tedesco,  celebre per i suoi lavori con la sua orchestra gitana e per i suoi remix tra musica balcanica ed elettronica, con cui ha più volte conquistato la vetta della World Music Charts europea.

Alla salutegià disponibile negli store digitali (Capitol.lnk.to/allasalute)  è uno dei brani più significativi della recente produzione di Lorenzo e fa parte del flusso di musica che piano piano, capitolo dopo capitolo, stanno componendo il Disco del Sole, in formato completo e fisico il prossimo autunno. 

Lorenzo Jovanotti – Foto dal web

Il DISCO DEL SOLE è un oggetto volante non identificato, uno streaming, una filosofia, ma soprattutto il fiume libero dei brani scritti da Lorenzo a due anni e mezzo di distanza da La Nuova EraDopo le prime nuove canzoni tra cui LA PRIMAVERA I LOVE YOU BABY che hanno raggiunto la vetta dei brani più ascoltati in radioALLA SALUTE  è una nuova traccia, un ulteriore frammento del movimento costante che Jovanotti sta componendo mese dopo mese, settimana dopo settimana, senza uno schema, senza un piano deciso: il flusso continua a scorrere.

ALLA SALUTE è nata, durante la pandemia, da quel forte desiderio di guardare avanti e di apparecchiare la festa per quando ci servirà questa canzone pazza e senza tempo.  ha affermato Lorenzo- La collaborazione di Shantel (produttore dj musicista dell’est europeo specializzato in quel “balkan beat” che funziona solo se è originale) conferisce autenticità assoluta all’atmosfera che il pezzo vuole evocare. E’ un brindisi, una danza sfrenata e alcolica, uno sfogo necessario e pagano. La sonorità è mediterranea della sponda est, registrato tra Atene, Cortona, Dusserdolf e Istanbul con un ensemble di musicisti formidabili immersi nella tradizione delle diaspore europee. E’ un treno questo pezzo, è una festa su un treno che viaggia verso tempi migliori ma non dimentica da dove è partito e le stazione che via via attraversa

La storia raccontata dal video e la data di release sono ancora top secret, ma c’è da scommettere che Jovanotti aggiungerà con questo video un nuovo tassello importante alla grande collezione dei suoi migliori videoclip. 

A tre mesi esatti dalla tappa calabra del Jova Beach, Jovanotti ha festeggiato ieri sera con l’intera troupe la fine delle riprese a Gerace dove, a margine dell’ultimo ciak ha incontrato i media.

Il video è stato interamente girato in Calabria, e realizzato in collaborazione con Fondazione Calabria Film Commission e finanziato nell’ambito del programma “Calabria Straordinaria” Assessorato Turismo e Marketing Territoriale della Regione Calabria.

“Sosteniamo questa idea –  ha dichiarato l’assessore regionale al Turismo e marketing territoriale Fausto Orsomarso  – perché rappresenta alla perfezione la nostra energia vitale, una Calabria che non ti aspetti, innovativa, giovane e legata ai suoi luoghi, lontana dai soliti stereotipi e con un’energia tutta unica, senza spazio né tempo. È uno dei primi lavori che si innesta nella linea progettuale di Calabria Straordinaria, in sinergia tra l’assessorato  e la Fondazione Calabria Film Commission. Un progetto dinamico e concertato dove prospettiva manageriale, estetica, musica e turismi  viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda”. 

“Dove sorge il bello c’è la Calabria, la musica, il cinema, così l’approdo dell’estetica di Jovanotti è il primo importante passo del nostro progetto e del nostro percorso – ha continuato Anton Giulio Grande, Commissario Straordinario della Fondazione Calabria Film Commission –  Accogliamo un grande artista e il suo ritmo visivo per promuovere le nostre location, così da creare interesse e veicolare immagini cult dei nostri spazi migliori. Una prova d’autore per i 36 set di prossima apertura, tra scenari e nuove opportunità: mettere in rete territori attraverso la potenza delle immagini cinematografiche”.

 _________________

Cittadella Regione Calabria “Jole Santelli”

calabriafilmcommission@pec.itinfo@calabriafilmcommission.it

www.calabriafilmcommission.it

Riflettori su Marianna Bonavolontà: dopo gli eventi a Napoli e Venezia, c’è la Festa Del Cinema a Roma

Il Festival del Cinema di Venezia è stato per lei un’esperienza emozionante, gli eventi a Napoli al fianco di personaggi quali Stefano De Martino sono stati unici ma Roma, si sa, ha sempre un fascino tutto suo.

Così, dopo gli eventi in Campania e dopo essere tornata dalla laguna, alla favola del red carpet alla Mostra del Cinema di Venezia ha fatto seguito un “nuovo” tappeto rosso, quello della Festa del Cinema di Roma.

Marianna Bonavolontà

Sul carpet di Venezia ricordiamo che lei ha voluto portare un messaggio di vicinanza e solidarietà verso le donne afghane e in generale tutte le donne che troppo spesso vengono private della libertà di poter essere se stesse e relegate ad un ruolo di maschera. Qui su Roma, noi della redazione, abbiamo chiesto a Marianna Bonavolontà qualche curiosità riguardo il film per il quale ha ricevuto l’invito.

Marianna Bonavolontà



Marianna, qual’era secondo te il film più idoneo al calendario del cinema in questa edizione?


Ho visto alla Festa del Cinema di Roma la presentazione della serie animata ‘Strappare lungo i bordi’, che sarà in onda dal 17 novembre su Netflix; il fumettista approda al mondo dei cartoni animati, attraverso le storie del suo protagonista che percorre un viaggio in treno con gli amici di sempre.


Abbiamo sentito dire che si parla un linguaggio “differente”?


Sì, in un certo senso. Infatti Michele Rech ha dichiarato che gli era venuta l’idea qualche anno fa di scrivere una storia non a fumetti ma a cartoni, perché il linguaggio era diverso, più accessibile.

Emozioni dal red carpet. A parole tue come lo descriveresti.

Il red carpet è stato una passeggiata tra le stelle. Mai come questa volta ho percepito la grandezza del cinema, di personaggi immensi come Quentin Tarantino e Tim Burton la cui energia aleggiava nell’aria. Sarà stata la magica cornice del cielo di Roma ma…Ecco, mi sono emozionata particolarmente.

La giornalista Grazia Pitorri ha ricevuto il premio alla carriera a Milazzo

Tra i prestigiosi ospiti premiati durante il Gran Galà dei Porti a Milazzo, anche il Maestro Vince Tempera

La giornalista Grazia Pitorri riceve il premio alla carriera

È stata premiata la giornalista ligure d’azione Grazia Pitorri, a Milazzo durante la sesta edizione del Gran Galà dei Porti. L’evento ideato anni fa dal vulcanico Roberto Onofri è stato trasmesso in diretta tv sul noto canale americano di CiborTv1 seguito da milioni di telespettatori sia negli Stati Uniti d’ America che in Canada.

Durante la serata sono stati premiati grandi nomi dell’imprenditoria navale e marittima e del mondo green tutto italiano che è sempre più in costante evoluzione.

Veronica Maya

La nota giornalista che ha premiato a sua volta il grande maestro e compositore Vince Tempera ha ritirato un prestigioso premio alla carriera per aver scritto svariati articoli sul mondo della nautica ed aver intervistato noti imprenditori del settore.

“È stato un grande onore per me – ha dichiarato Grazia Pitorri – poter ricevere un Awards così importante dato che io amo moltissimo il mare ed ho fatto per due volte il giro del mondo in nave ed ho avuto modo di comprendere quanto sia importante il mondo della logistica e degli scali.”

Maestro Vince Tempera

L’evento presentato dalla nota conduttrice Veronica Maya, da Roberto Onofri e da Elena Bozzani ha visto la partecipazione di molti volti noti dell’imprenditoria, della tv, della musica e dello sport.

Sindaco di Milazzo Pippo Midili

Anche per il 2021 la Sartoria Carosi si conferma leader del settore e si aggiudica il Wedding Award di matrimonio.com

Anche in questo anno così difficile, il pubblico di matrimonio.com con le sue recensioni ha premiato la professionalità della Maison Capitolina assegnandogli il wedding award, prestigioso riconoscimento del settore.

Abito Sartoria Carosi

Matrimonio.com celebra la 8ª edizione dei prestigiosi premi Wedding Awards, ai quali partecipano le oltre 62.000 aziende registrate sul portale. In questa edizione, in via del tutto eccezionale, si attribuisce il riconoscimento sia ai migliori professionisti del 2019, ultima stagione di matrimoni celebrati con normalità, che a quelli del 2020, anno nel quale hanno dovuto rivedere le proprie agende e supportare le coppie in condizioni straordinarie. Ciò che apporta valore ai Wedding Awards è il metodo di assegnazione, essendo l’unico riconoscimento conferito alle aziende grazie alle recensioni scritte dalle coppie di sposi che hanno usufruito dei loro servizi. Carosi moda, della categoria Sposo e accessori, ha ottenuto il Wedding Award 2021 che lo riconosce come uno dei fornitori più raccomandati dalle coppie di Matrimonio.com.

Roberto Carosi, professionista di riferimento del settore nuziale di Roma, ha ricevuto il premio Wedding Award 2021 per la categoria Sposo e accessori. Un importante riconoscimento, sia per la sua carriera che per il suo grande lavoro e che lo accredita come uno dei migliori professionisti del settore.

Made in Italy e artigianalità, saranno questi i più importanti punti di forza del rilancio per il settore del Wedding” – queste le parole con le quali Roberto Carosi commenta, come fosse un mantra, l’assegnazione del Wedding Awards 2021, prestigioso premio con cui Matrimonio.com ha tributato il giusto riconoscimento alla Sartoria Carosi di cui è titolare, per la categoria Sposo e accessori.

Apprezzo particolarmente – prosegue Roberto Carosi questo premio e ringrazio i tantissimi sposi che, con le loro preziose recensioni ci hanno tributato questo riconoscimento che giunge in un momento davvero particolare in cui attendiamo un’uscita definitiva dall’emergenza sanitaria per programmare una ripartenza in sicurezza dei matrimoni. È un ulteriore segnale che riconosce il nostro lavoro e la nostra professionalità e che incoraggia tutto il settore del wedding, probabilmente il più colpito dalle conseguenze della pandemia. Matrimonio.com conosce come nessuno le peripezie degli operatori del settore che hanno operato con professionalità e dedizione a sostenere le coppie nel difficilissimo compito di comprendere come e quando avrebbero potuto gestire l’organizzazione dei loro matrimoni, disorientati da disposizioni spesso vaghe e mai definitive.  Come sempre abbiamo lavorato con grande applicazione, rassicurando i nostri clienti che hanno riconosciuto il nostro impegno, premiato dalle loro recensioni”.

Press Office Excelsum Publisher

“Dimmi baby”, dall’album Giramondo, è il nuovo brano dei Pagarigo dal 30 marzo su tutti i digital store

“Dimmi baby” è il nuovo singolo della band PagaRigo. È un brano prodotto e mixato da Santi Rigolizio e Alex Fawkes-Smith, mastering di Fabrizio Simoncioni, distribuito online sui digital store dalla strings on fire record.

PagaRigo

Il singolo Dimmi Baby parla di una donna che si trova in una situazione difficile ma che ha accanto un amico che l’aiuta e la vuole fare stare bene. Il brano è molto ritmico accompagnato dalle note di chitarra che ti entrano in testa. Dimmi baby è stata scritta da Peppe Pagano e Santi Rigolizio.

Fa parte dell’album Giramondo, disponibile su tutti i digital store come Spotify e Amazon music.

Una curiosità che ci teniamo ad evidenziare sull’album è una canzone con un assolo particolarmente lungo, un “assolo di liberazione” che si trova nella canzone “Un Bluff”.

Santi Rigolizio a tal proposito dichiara: “Ho cercato di avere un approccio meno complicato sul resto delle canzoni ma sapevo che volevo una canzone con un assolo lungo per chiudere l’album. Un Bluff è stata la canzone perfetta per fare quello che avevo in mente. Quando l’ho ascoltato dopo, con Peppe Paganoci siamo resi conto che erano 3:31 minuti di assolo”.

Peppe e Santi aggiungono “Qualcuno ci ha fatto notare che non ci sono assoli così lunghi in Italia. L’unico è Alba chiara di Vasco Rossi. Ma con Un Bluff l’abbiamo superato senza saperlo…

PagaRigo – “Dimmi baby”

Ricordiamo anche gli altri componenti della band. I PagaRigo sono: Peppe Pagano alla voce, Santi Rigolizio alle chitarre e basso, Alex Fawkes-Smith alle tastiere e Mark Smith alla batteria.

Il brano “Dimmi Baby”, è disponibile per l’ascolto sul canale youtube del gruppo:

I PAGARIGO

I PagaRigo sono un gruppo rock italiano nato a Londra, formato da Giuseppe Pagano (detto “Peppe”) alla voce e Santi Rigolizio alla chitarra.

Giuseppe Pagano e’ un cantautore e rocker siciliano, un personaggio di grande temperamento ed energia con una voce potente. Scopre fin da bambino l’amore per la musica cantando in chiesa e si avvicina così alle produzioni dei Litfiba, di Bennato e di Ligabue.

Nel 1997 partecipa al festival dei Nebrodi a Capo d’Orlando a Messina e vince il premio come “Personaggio televisivo dell’anno”. In seguito, partecipa al tour regionale dell’Accademia della Canzone di Sanremo, e ne risulta vincitore nella città di Lipari (Isole Eolie). Dopo uno stage di formazione professionale all’Accademia della Canzone Italiana, nel 1998 prende parte alla Finale Nazionale di Sanremo e canta al festival ‘A Voice for Europe 2000’.

Nel 2002 contribuisce a fondare “I Blackoutband” aggiudicandosi nel 2004 il primo posto al concorso TOP OF THE TOP istituito da Ricordi; nel 2006 il gruppo viene selezionato dal noto festival rock italiano “Rock Targato Italia”. Nel 2009 inizia il live tour in Argentina e quando torna, nell’anno 2011, produce l’album DEMOCRAZIA con etichetta Smilax Publishing e con distribuzione firmata Global Net.

“Democrazia” è un album di denuncia sulla situazione sociale e democratica in Italia: rock ed impegno civile si miscelano in un cocktail esplosivo. Il videoclip con il brano “Credici” è trasmesso da numerosi emittenti televisive, tra cui Italia 1. Diverse sono le occasioni di collaborazione con altri artisti che si palesano sempre più frequentemente; ricordiamo ad esempio l’ospitata al FESTIVAL PUB ITALIA con Massimo Di Cataldo, Tony Esposito, Linda D, Rocco Barbaro, Paky Arcella, Dario Baldan Bembo, Alberto Bertoli.

PagaRigo

Giuseppe Pagano partecipa poi come ospite all’Expo di Milano 2015 e riceve il Premio Radiofonico con il brano “Credici” nella finalissima del concorso del Festival “Forza Canzone D’Italia Nel Mondo – Va Pensiero”.

Da quattro anni vive a Londra, dove ha conosciuto il maestro e musicista messinese Santi Rigolizio.

Santi Rigolizio e’ un chitarrista e cantautore di Messina. Comincia a studiare chitarra alla giovane eta’ di 8 anni con il maestro Fabio Inglese e fa le prime esperienze musicali in chiesa ad 11 anni suonando la chitarra per il coro Luigi Guanella. Continua a studiare chitarra con il maestro Gianfranco Cogliandro Fichera e già a 14 anni comincia a formare i primi gruppi rock.

Dopo varie esperienze nel giro messinese, divise tra gruppi originali e cover band, Santi decide di andare in Australia in cerca di qualcosa di diverso. Qui forma i “Mobstar” con il cantante Darren Grant. I due cominciano a lavorare a quello che diventera’ il primo album della band.

Dopo quasi quattro anni a Brisbane, nel 2006 Santi e Darren si spostano a Londra dove formano “Gli Eruption”; firmano un contratto con L’Escape Music e nel 2009 pubblicano l’album “All Screwed Up”.

L’album viene recepito bene dal pubblico e dalla critica ma nel gruppo le cose non funzionano. Darren torna in Australia e Santi comincia a lavorare al suo primo album strumentale.

Nel 2012, l’album strumentale “The Truth” viene pubblicato dalla Digital Nations, che fa parte della Favorade Nations, formata dal noto chitarrista internazionale Steve Vai.

Durante gli anni, Santi Rigolizio continua a lavorare nelle cover band e come insegnate di chitarra fino a fine 2015, anno in cui incontra Giuseppe Pagano. I due decidono di lavorare insieme e così nasce il gruppo rock italiano che, ispirato dal connubio dei loro cognomi, prende il seguente nome: I PagaRigo.

FB: Pagarigo World  

INSTAGRAM: Pagarigo 

YOUTUBE: Pagarigo Official 

La promozione è a cura della spotline promotion.

Francesco Cofone. Armati di futuro – un inno contro le ingiustizie sociali in tempo di pandemia

Armati di futuro” è il nuovo singolo del cantante, autore e compositore Francesco Cofone ed il brano è interamente composto da lui. L’etichetta discografica indipendente di proprietà dell’artista è la Francesco Angelo Cofone Editor mentre la distribuzione è TuneCore. Francesco,che insegna tecnica vocale e lavora come direttore artistico ed organizzatore di eventi di musica d’autore, è anche l’autore della musica e del testo.

Francesco Cofone


Il singolo “Armati di futuro” è ispirato alla Camminata degli Inessenziali organizzata dai Ristoratori Toscana, dal M.A.I. (movimento artisti italiani), dall’associazione NCC e da Assidea. Il brano si pone come un inno contro le ingiustizie sociali al tempo della pandemia e non solo.

Il brano “Armati di futuro” è disponibile per l’ascolto anche sul canale youtube dell’artista:

 

Francesco Cofone. Si avvicina alla musica nel 1985/86 iniziando a suonare la chitarra e a cantare nelle piazze insieme ad alcuni amici; subito dopo comincia a scrivere le sue prime canzoni e, insieme ad alcuni degli artisti di strada con cui si esibiva, decide di creare uno spazio con strumenti musicali che vengono messi a disposizione di chiunque desideri esibirsi. Così nasce la “TAVERNA ESKIMO CLUB”, associazione culturale di musica arte e spettacolo. Nascono molte collaborazioni artistiche, ed è qui che Francesco conosce alcuni dei suoi collaboratori A. Cappello, G. Del Taglia, S. Bollani e i componenti del suo gruppo denominato “ESKIMO”.
Molte le esibizioni a scopi umanitari, fra le quali il Concerto contro la droga e quello contro la mafia. Numerose anche le manifestazioni canore fra le quali la Finale del Festival di Messina (Rai Tre) e STELLA NASCENTE (MOGOL). La poesia, la musica; un’idea, un progetto (2 serate su Rai Due) ed il CONCERTO ALLA PERGOLA PETER PAN IL MUSICAL. Francesco ha frequentato 2 corsi del Centro Europeo di TOSCOLANO; attualmente collabora con Mogol e con lui ha partecipato a diverse esibizioni di stampo sociale.
Francesco ha suonato nei Caffè Italiani di SAN DIEGO e LOS ANGELES (CALIFORNIA), accompagnato da CARLA SHARMAN, ed ha eseguito alcuni concerti a BRETTEN (STOCCARDA). Numerose sono inoltre le partecipazioni a programmi Tv come ospite: da Manicomio (italia 7) a Debutto (toscana tv) e molte altre. È in vendita il suo cd dal titolo “QUANDO I SOGNI…” presentato ad Acri (CS) sua città natale, nel cinema teatro nuovo, allo “Space Electronic” di Firenze, all’interno della rassegna del comune di Impruneta “IL ROCK VA IN CIRCOLO” e al “PORTO DI MARE CLUB”.
È fautore del progetto “PALCO D’AUTORE” che nasce con la premessa di ridare spazio e lustro alla musica d’autore nel senso genuino del termine.
Il progetto si concretizza nell’ambito della FESTA DE L’ UNITA’ di Prato e di Firenze, dove dal 2001 al 2003 Francesco organizza una rassegna chiamata “PALCO D’AUTORE” che riscuote un discreto successo e vede partecipi all’iniziativa numerosi cantautori del panorama nazionale fra i quali: CLAUDIO LOLLI, PAOLO CAPODACQUA, GATTO PANCERI, MARCO FERRADINI, MIMMO LOCASCIULLI, GORAN KUZMINAC, BEPPE DATI, LUIGI GRECHI, MASSIMO BUBOLA e molti altri. Nell’ambito della rassegna organizza con successo di pubblico e di critica le serate conclusive del festival dell’unità 2001\ 2002 sul palco centrale il “MEMORIAL FABRIZIO DE ANDRE’.
Di recente Francesco ha aperto il concerto di NOVI VELIA (SA) di GATTO PANCERI e lo abbiamo visto nel concerto alla memoria di ERNESTO BALDUCCI “NOTE DI NATALE” con BEPPE DATI, nel concerto alla festa dell’unità di CALDINE (FI) e nel concerto in piazza castello ISOLA DEL GIGLIO, oltre che ospite al foro boario a LUCCA nella serata dedicata al “progetto madre terra”.
Tra gli eventi di rilievo da menzionare ci sono il memorial Pierangelo Bertoli tenutosi al teatro Everest al Galluzzo, la Serata-maratona per il Meyer con Enrico Rialti e i Whisky trail ed il Tributo a Gaber con il teatro-canzone di Pierluigi Colantoni.
Infine, non si può non citare la serata dedicata alla Bandiera italiana dove Francesco si esibisce nel Teatro comunale di Firenze e del maggio fiorentino con il brano-inno “la nostra canzone…” di Mogol-Prudente, riarrangiata dallo stesso Cofone; il CONCERTO AL TEATRO LA PERGOLA di Firenze per l’associazione “gocce di vita” e PETER PAN – IL MUSICAL due serate che registrano un grandissimo successo dove Francesco ricopre il ruolo sia di direttore artistico che di protagonista del musical.

Francesco Cofone Fb

Francesco Cofone You Tube 








Intervista alla cantante Federica Pento

Federica Pento: idee, traguardi e le nuove iniziative della nota cantante di Pescara.
Federica Pento è una cantante originaria di Pescara, studia musica dall’età di 14 anni e viaggia di continuo per lavoro, servizi fotografici, interviste e partecipazioni ai principali Festival d’Italia. Il più recente è stato lo scorso autunno in Campania, quando l’abbiamo vista esibirsi al Picentia Short Film Festival. Oggi ha dichiarato per la prima volta “Un desiderio per il 2021 sarebbe insegnare ciò che nel tempo ho assorbito e imparato” Così Federica Pento, che da qualche tempo lavora come insegnante di canto, ci svela che ha nella mente di realizzare un grande obiettivo: aprire una scuola di canto tutta sua.
È tenace, determinata, solare e crede fermamente che i sacrifici prima o poi vengano ripagati. La sua preparazione per anni ha avuto un’impronta classica. Attualmente sta imparando tecniche pop di alta formazione. Federica ama e predilige la musica italiana.

Federica Pento


Federica, ci sveli qualche nome famoso con cui hai collaborato sia in passato che di recente?
Negli scorsi anni ho avuto l’onore di aprire vari concerti di cantanti famosi come: Marcella Bella e Tiziana Rivale e di affiancare Stefano Jurgens o anche Nunzia Schiano. Inoltre, nella scuola di alto perfezionamento che frequento ho avuto e ho modo ogni giorno di confrontarmi con artisti di alto calibro.

Federica Pento


C’è il progetto di un diario fra le cose su cui stai lavorando. È esatto?
È esatto, sì. Ho in progetto di creare un mio diario musicale che deve rispecchiare quello di una qualunque ragazza comune. Deve poter raccontare della propria persona: fragilità, sogni nel cassetto, amori impossibili, sconfitte e vittorie raggiunte. La mia idea è quella di creare un diario musicale, in cui esprimere le mie emozioni più profonde e sentite, attraverso le mie parole e la mia musica da donare al pubblico. Fino ad ora, infatti, ho sempre interpretato brani di altri autori ma inizio a sentire il bisogno di dare al pubblico un altro aspetto del mio mondo e sto iniziando a scrivere le mie prossime canzoni.


Cosa ti aspetti da questo 2021?
Ciò che desidero più di tutto in questo periodo è tornare alla mia routine.
Ho voglia di tornare a Roma, studiare e calcare di nuovo i palchi.
Nel frattempo, porto avanti le iniziative che vi ho iniziato a raccontare.