Riflettori su Marianna Bonavolontà: dopo gli eventi a Napoli e Venezia, c’è la Festa Del Cinema a Roma

Il Festival del Cinema di Venezia è stato per lei un’esperienza emozionante, gli eventi a Napoli al fianco di personaggi quali Stefano De Martino sono stati unici ma Roma, si sa, ha sempre un fascino tutto suo.

Così, dopo gli eventi in Campania e dopo essere tornata dalla laguna, alla favola del red carpet alla Mostra del Cinema di Venezia ha fatto seguito un “nuovo” tappeto rosso, quello della Festa del Cinema di Roma.

Marianna Bonavolontà

Sul carpet di Venezia ricordiamo che lei ha voluto portare un messaggio di vicinanza e solidarietà verso le donne afghane e in generale tutte le donne che troppo spesso vengono private della libertà di poter essere se stesse e relegate ad un ruolo di maschera. Qui su Roma, noi della redazione, abbiamo chiesto a Marianna Bonavolontà qualche curiosità riguardo il film per il quale ha ricevuto l’invito.

Marianna Bonavolontà



Marianna, qual’era secondo te il film più idoneo al calendario del cinema in questa edizione?


Ho visto alla Festa del Cinema di Roma la presentazione della serie animata ‘Strappare lungo i bordi’, che sarà in onda dal 17 novembre su Netflix; il fumettista approda al mondo dei cartoni animati, attraverso le storie del suo protagonista che percorre un viaggio in treno con gli amici di sempre.


Abbiamo sentito dire che si parla un linguaggio “differente”?


Sì, in un certo senso. Infatti Michele Rech ha dichiarato che gli era venuta l’idea qualche anno fa di scrivere una storia non a fumetti ma a cartoni, perché il linguaggio era diverso, più accessibile.

Emozioni dal red carpet. A parole tue come lo descriveresti.

Il red carpet è stato una passeggiata tra le stelle. Mai come questa volta ho percepito la grandezza del cinema, di personaggi immensi come Quentin Tarantino e Tim Burton la cui energia aleggiava nell’aria. Sarà stata la magica cornice del cielo di Roma ma…Ecco, mi sono emozionata particolarmente.

La giornalista Grazia Pitorri ha ricevuto il premio alla carriera a Milazzo

Tra i prestigiosi ospiti premiati durante il Gran Galà dei Porti a Milazzo, anche il Maestro Vince Tempera

La giornalista Grazia Pitorri riceve il premio alla carriera

È stata premiata la giornalista ligure d’azione Grazia Pitorri, a Milazzo durante la sesta edizione del Gran Galà dei Porti. L’evento ideato anni fa dal vulcanico Roberto Onofri è stato trasmesso in diretta tv sul noto canale americano di CiborTv1 seguito da milioni di telespettatori sia negli Stati Uniti d’ America che in Canada.

Durante la serata sono stati premiati grandi nomi dell’imprenditoria navale e marittima e del mondo green tutto italiano che è sempre più in costante evoluzione.

Veronica Maya

La nota giornalista che ha premiato a sua volta il grande maestro e compositore Vince Tempera ha ritirato un prestigioso premio alla carriera per aver scritto svariati articoli sul mondo della nautica ed aver intervistato noti imprenditori del settore.

“È stato un grande onore per me – ha dichiarato Grazia Pitorri – poter ricevere un Awards così importante dato che io amo moltissimo il mare ed ho fatto per due volte il giro del mondo in nave ed ho avuto modo di comprendere quanto sia importante il mondo della logistica e degli scali.”

Maestro Vince Tempera

L’evento presentato dalla nota conduttrice Veronica Maya, da Roberto Onofri e da Elena Bozzani ha visto la partecipazione di molti volti noti dell’imprenditoria, della tv, della musica e dello sport.

Sindaco di Milazzo Pippo Midili

Gran Galà dei Porti. A Messina la conferenza stampa di presentazione

Torna il Gran Galà dei Porti, l’evento che premia il settore marittimo da quest’anno va in Tv.

Avrà luogo martedì 20 Luglio, alle ore 10,30, presso la Camera di Commercio di Messina la conferenza stampa di presentazione del Gran Galà dei Porti che in questa edizione approda in TV giovedì 22 Luglio alle 21,00 sul nuovo canale Cibortv1 che trasmette in Canada e Usa visibile quindi a milioni di nostri connazionali all’estero.

Elena Bonzanni conduttrice con Roberto Onofri

Evento di grande importanza per il settore navale che è stato duramente colpito dalla pandemia in corso, il Gran Galà sarà trasmesso in diretta dalla suggestiva città di Milazzo (ME) e sarà condotto dalla nota presentatrice Rai, Veronica Maya e il Dj di fama internazionale Roberto Onofri e sarà prodotto da Italian Television Network.

I_presentatori Veronica Maya e Roberto Onofri

La kermesse che premia il settore marittimo e non solo vedrà la partecipazione di alcuni volti noti sia del mondo della navigazione, della musica e della TV. In particolare, saranno premiati il noto maestro Vince Tempera, siciliano di origine da Silvia Mezzanotte, Den Harrow, Craig Warwick, Giucas Casella e molti altri. La diretta televisiva sarà inoltre diretta dal regista Giuseppe Sciacca sostenuto dagli autori del programma è da Andrea Preti.

Il Maestro Vince Tempera

La serata patrocinata dal Comune di Milazzo e da Assotrasporti vedrà inoltre la presenza dell’attrice Gabriella Germani.

Gabriella Germani
Silvia Mezzanotte

Le motivazioni dei premi e la loro lettura saranno affidate ad una conduttrice molto speciale, la bergamasca Elena Bonzanni, testimone in prima persona delle grandi difficoltà dai cittadini della sua città natale durante la forte emergenza da Covid.

Al Gran Galà dei porti saranno presenti tutte le Autorità di sistema portuale italiano che unite in una sorta di Seastrade Italiano riceveranno i dovuti riconoscimenti alla presenza del ViceMinistro Teresa Bellanova con altri illustri personaggi del mondo della politica e della cultura.

Press Office

Grazia Pitorri

“Limite” Official Videoclip di Lorena Zampano

Dopo l’audio release del 21 Maggio, da oggi, 8 Giugno 2021, viene reso pubblico sul canale YouTube dell’artista anche il videoclip di “Limite” il nuovo singolo di Lorena Zampano:

“Limite” Official Videoclip di Lorena Zampano

Il video, sponsorizzato da Creo Design, è stato realizzato da uno staff di professionisti del settore con alla regia Simone Menzio e Fabio La Marca. Il montaggio video è di Fabio la Marca, l’operatore video è Riccardo Freni, mentre il trucco è di Simone Costa make-up.

Il brano racconta la consapevolezza della fine di una relazione e la lotta psicologica di una donna contro le due facce del suo amore: quella più forte che vuole allontanarlo e quella più fragile che, non solo si ostina a non lasciarlo andare, ma spera addirittura di riuscire a renderlo immune al tempo.

Nel video curato nei minimi dettagli si è pensato ad una storia in cui la protagonista “affronta sé stessa” sul campo degli scacchi. Due personalità, bianca e nera, tese a sottolineare il dualismo della cantante, che vuole annientare il suo amato ma allo stesso tempo quasi prega che lui possa starle accanto fino a quando l’amore non sarà definitivamente svanito. Gli scacchi sono la metafora di una lotta psicologica, in cui alfieri, cavalli, re e regine duellano insieme alla protagonista, che quindi si sdoppia e si divide in personalità forte e personalità fragile. Il tutto ovviamente alternato con scene di canto in cui l’artista si esibisce e si mostra come la soluzione e la sintesi delle sue due personalità. Ad evidenziare questo suo passaggio (da fragile verso forte agli scacchi a consapevole e determinata al canto) ci sarà uno scacco matto che le due personalità si faranno contemporaneamente.

Lorena Zampano

La composizione (testo e musica) è interamente firmata da Lorena Zampano. La produzione artistica e gli arrangiamenti di Matteo Stocchino. Prodotto da Elettrikamente Music.

Registrato e Mixato da Romeo Chierici presso Macchina Magnetica, mentre il mastering è di Giovanni Versari.

Lorena Zampano è una cantautrice italiana. La voce e le parole dei grandi interpreti e cantautori della musica italiana (Mango, Anna Oxa, Mia Martini, Loredana Bertè, Battisti, De Andrè, Dalla) e i gruppi rock degli anni ’70/‘80, ascoltati da un mangiadischi arancione guardando il mare da una finestra, fanno da colonna sonora alla sua vita fin dall’infanzia. Già da piccolissima mostra, infatti, un’anima rock e spiccate attitudini per la musica e, nello specifico, per il canto. Inizia ad esibirsi all’età di 4 anni partecipando a numerosi concorsi canori e classificandosi sempre tra le prime posizioni. A 6 anni, dopo aver passato diversi mesi a scrutare sognante il pianoforte di un’amica di famiglia, trova il coraggio di suonare la sua prima nota ed è subito amore! A 7 anni le prime lezioni di musica con il M° Gina Procopio alle quali si aggiungeranno, negli anni, quelle di canto con diversi professionisti (Lorena Scaccia – Michele Fischietti – Silvia Chiminelli – Luca Jurman). A 13 anni inizia ad appassionarsi all’elettronica: la Roland DJ-70 le apre letteralmente un mondo. A 15 compra una chitarra e inizia a suonarla da autodidatta. Tra il 2004 e il 2006 frequenta l’accademia musicale Percentomusica di Roma nella quale approfondisce diverse discipline (canto pop/jazz; teoria e armonia musicale; interpretazione vocale; sensibilizzazione ritmica) e nel 2015 il primo anno del corso di musica elettronica al Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Associare l’amore per la musica e quello per la scrittura e scoprire la potenza di questo connubio come mezzo per raccontarsi e raccontare è stato per Lorena un processo estremamente naturale: a soli 8 anni compone il suo primo brano. L’incontro con Mango, Gatto Panceri (autore per Giorgia, Mina, A. Bocelli), Saverio Grandi (autore per Vasco Rossi, Stadio, Laura Pausini) le danno modo di perfezionare le tecniche di scrittura di una canzone. Tra un concerto e l’altro, nel 2013 si laurea in giurisprudenza con tesi sul diritto d’autore delle opere musicali. Si esibisce con moltissime band con cui suona, oltre ai suoi brani, grandi classici del repertorio pop/rock italiano e internazionale.

Il 9 Agosto 1997 riceve il Premio della critica MIGLIOR INTERPRETAZIONE al festival mondiale “New Voices For The World”; a Novembre 1997 è Finalista ad Ariccia (Roma) alla “Festa degli Sconosciuti” di Teddy Reno e Rita Pavone, con il brano inedito “Vortici”. Nell’ Ottobre 2002 è Finalista al “Premio Mia Martini” con il brano inedito “Non andare via”. Il 7 Dicembre 2002 vince il Premio della critica MIGLIOR VOCE al festival “Un Giorno Insieme” organizzato dalla Città di Sulmona con il supporto dei Nomadi, per onorare la memoria dello scomparso Augusto Daolio. Nel 2006 presenta a Locri al concerto del 1° Maggio, in diretta su Rai 3, il brano contro le mafie “SIAMO TUTTI QUA”. Nel 2007 pubblica, con Officina Edizioni Musicali e la produzione di Nello Giudice (bassista di Mango), il suo primo album dal titolo “ECSTASY”. A Febbraio 2008, in occasione del 58° Festival di Sanremo presenta, nella città dei fiori, l’anteprima del suo nuovo singolo: “DAMMI L’ANIMA” all’ Indipendent Music Day organizzato da Francesco Baccini e Povia. Nel 2015 è finalista al concorso per autori di canzoni “Genova per voi”. Nel 2021 il nuovo singolo LIMITE, brano prodotto con la Elettrikamente Music, arrangiato da Matteo Stocchino e con la consulenza artistica di Antonio Laino.

Facebook Lorena Zampano Official

Instagram: Lorena Zampano Official

Lorena Zampano – Limite Ascolta QUI



Ufficio Stampa
:

Roberta Nardi

dott.ssarobertanardi@gmail.com

INSIEME PER LA RINASCITA

Meditazione artistica ideata e presentata da Claudia Conte

Roma | giovedì, 13 maggio ore 19, 30

Chiesa Sant’Ignazio di Loyola

Via del Caravita, 8a – Roma

Claudia Conte raduna attori e cantanti per “Insieme per la rinascita”

Artisti della scena italiana si uniscono per costruire un percorso di parole e canti, risposta ideale al dramma dell’isolamento dovuto alla quarantena. “Insieme per la rinascita” è uno spettacolo, ideato e presentato dall’attrice Claudia Conte, e che vede la partecipazione di attori e cantanti del panorama artistico italiano tra cui Giuseppe Povia, Mariano Rigillo, Edoardo Siravo, Antonio Catania, Pino Calabrese, Annalisa Minetti, Antonio Giuliani, Giampiero Ingrassia, Elisabetta Pellini, i Baraonna.

Dopo l’emozionante evento natalizio Gesù nasce lo stesso, messo in scena dalla stessa Claudia Conte, la Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola torna ad ospitare una kermesse artistica con scopo benefico giovedi 13 maggio dalle 19.30. Infatti durante la serata ci sarà una raccolta fondi a favore della Mensa popolare della Chiesa di San Francesco Saverio del Caravita.

Claudia Conte

 “Insieme per la Rinascita” vuole essere infatti un inno alla ripresa, affinché tutti possano ricominciare a vivere, dopo mesi in cui hanno messo da parte il desiderio di stare insieme alle persone a loro care al fine di salvaguardare la salute personale e pubblica.

Sarà una meditazione artistica e musicale che darà ampio spazio ad una narrazione poetica attraverso brani di testi teatrali, classici letterari, canzoni e poesie.

“In un anno dove tutti quanti siamo stati privati della libertà per colpa di un virus subdolo che ha stravolto la nostra quotidianità, l’obiettivo di “Insieme per la Rinascita” è quello di dimostrare che le persone non hanno perso la loro umanità, ragion per cui sono ancora in grado di stringersi insieme in un grande abbraccio per raggiungere il bene comune.”

Queste le parole della giovane Claudia Conte che ha fortemente voluto e sostenuto l’evento in collaborazione con Arturo Melillo, Referente italiano per Enagic – Kangen Water, Andrea Petrangeli, Private Banker di Banca Generali, Salvatore Izzo con la sua Best Color Make-up, la dott.ssa Antonia Angela Alaia – CEO Polis Consulting srl, Filippo Tavolini, CEO Fitav srl e Federico Marcellini, owner di Marcellini Fragrances.

“Dimmi baby”, dall’album Giramondo, è il nuovo brano dei Pagarigo dal 30 marzo su tutti i digital store

“Dimmi baby” è il nuovo singolo della band PagaRigo. È un brano prodotto e mixato da Santi Rigolizio e Alex Fawkes-Smith, mastering di Fabrizio Simoncioni, distribuito online sui digital store dalla strings on fire record.

PagaRigo

Il singolo Dimmi Baby parla di una donna che si trova in una situazione difficile ma che ha accanto un amico che l’aiuta e la vuole fare stare bene. Il brano è molto ritmico accompagnato dalle note di chitarra che ti entrano in testa. Dimmi baby è stata scritta da Peppe Pagano e Santi Rigolizio.

Fa parte dell’album Giramondo, disponibile su tutti i digital store come Spotify e Amazon music.

Una curiosità che ci teniamo ad evidenziare sull’album è una canzone con un assolo particolarmente lungo, un “assolo di liberazione” che si trova nella canzone “Un Bluff”.

Santi Rigolizio a tal proposito dichiara: “Ho cercato di avere un approccio meno complicato sul resto delle canzoni ma sapevo che volevo una canzone con un assolo lungo per chiudere l’album. Un Bluff è stata la canzone perfetta per fare quello che avevo in mente. Quando l’ho ascoltato dopo, con Peppe Paganoci siamo resi conto che erano 3:31 minuti di assolo”.

Peppe e Santi aggiungono “Qualcuno ci ha fatto notare che non ci sono assoli così lunghi in Italia. L’unico è Alba chiara di Vasco Rossi. Ma con Un Bluff l’abbiamo superato senza saperlo…

PagaRigo – “Dimmi baby”

Ricordiamo anche gli altri componenti della band. I PagaRigo sono: Peppe Pagano alla voce, Santi Rigolizio alle chitarre e basso, Alex Fawkes-Smith alle tastiere e Mark Smith alla batteria.

Il brano “Dimmi Baby”, è disponibile per l’ascolto sul canale youtube del gruppo:

I PAGARIGO

I PagaRigo sono un gruppo rock italiano nato a Londra, formato da Giuseppe Pagano (detto “Peppe”) alla voce e Santi Rigolizio alla chitarra.

Giuseppe Pagano e’ un cantautore e rocker siciliano, un personaggio di grande temperamento ed energia con una voce potente. Scopre fin da bambino l’amore per la musica cantando in chiesa e si avvicina così alle produzioni dei Litfiba, di Bennato e di Ligabue.

Nel 1997 partecipa al festival dei Nebrodi a Capo d’Orlando a Messina e vince il premio come “Personaggio televisivo dell’anno”. In seguito, partecipa al tour regionale dell’Accademia della Canzone di Sanremo, e ne risulta vincitore nella città di Lipari (Isole Eolie). Dopo uno stage di formazione professionale all’Accademia della Canzone Italiana, nel 1998 prende parte alla Finale Nazionale di Sanremo e canta al festival ‘A Voice for Europe 2000’.

Nel 2002 contribuisce a fondare “I Blackoutband” aggiudicandosi nel 2004 il primo posto al concorso TOP OF THE TOP istituito da Ricordi; nel 2006 il gruppo viene selezionato dal noto festival rock italiano “Rock Targato Italia”. Nel 2009 inizia il live tour in Argentina e quando torna, nell’anno 2011, produce l’album DEMOCRAZIA con etichetta Smilax Publishing e con distribuzione firmata Global Net.

“Democrazia” è un album di denuncia sulla situazione sociale e democratica in Italia: rock ed impegno civile si miscelano in un cocktail esplosivo. Il videoclip con il brano “Credici” è trasmesso da numerosi emittenti televisive, tra cui Italia 1. Diverse sono le occasioni di collaborazione con altri artisti che si palesano sempre più frequentemente; ricordiamo ad esempio l’ospitata al FESTIVAL PUB ITALIA con Massimo Di Cataldo, Tony Esposito, Linda D, Rocco Barbaro, Paky Arcella, Dario Baldan Bembo, Alberto Bertoli.

PagaRigo

Giuseppe Pagano partecipa poi come ospite all’Expo di Milano 2015 e riceve il Premio Radiofonico con il brano “Credici” nella finalissima del concorso del Festival “Forza Canzone D’Italia Nel Mondo – Va Pensiero”.

Da quattro anni vive a Londra, dove ha conosciuto il maestro e musicista messinese Santi Rigolizio.

Santi Rigolizio e’ un chitarrista e cantautore di Messina. Comincia a studiare chitarra alla giovane eta’ di 8 anni con il maestro Fabio Inglese e fa le prime esperienze musicali in chiesa ad 11 anni suonando la chitarra per il coro Luigi Guanella. Continua a studiare chitarra con il maestro Gianfranco Cogliandro Fichera e già a 14 anni comincia a formare i primi gruppi rock.

Dopo varie esperienze nel giro messinese, divise tra gruppi originali e cover band, Santi decide di andare in Australia in cerca di qualcosa di diverso. Qui forma i “Mobstar” con il cantante Darren Grant. I due cominciano a lavorare a quello che diventera’ il primo album della band.

Dopo quasi quattro anni a Brisbane, nel 2006 Santi e Darren si spostano a Londra dove formano “Gli Eruption”; firmano un contratto con L’Escape Music e nel 2009 pubblicano l’album “All Screwed Up”.

L’album viene recepito bene dal pubblico e dalla critica ma nel gruppo le cose non funzionano. Darren torna in Australia e Santi comincia a lavorare al suo primo album strumentale.

Nel 2012, l’album strumentale “The Truth” viene pubblicato dalla Digital Nations, che fa parte della Favorade Nations, formata dal noto chitarrista internazionale Steve Vai.

Durante gli anni, Santi Rigolizio continua a lavorare nelle cover band e come insegnate di chitarra fino a fine 2015, anno in cui incontra Giuseppe Pagano. I due decidono di lavorare insieme e così nasce il gruppo rock italiano che, ispirato dal connubio dei loro cognomi, prende il seguente nome: I PagaRigo.

FB: Pagarigo World  

INSTAGRAM: Pagarigo 

YOUTUBE: Pagarigo Official 

La promozione è a cura della spotline promotion.

Intervista alla cantante Federica Pento

Federica Pento: idee, traguardi e le nuove iniziative della nota cantante di Pescara.
Federica Pento è una cantante originaria di Pescara, studia musica dall’età di 14 anni e viaggia di continuo per lavoro, servizi fotografici, interviste e partecipazioni ai principali Festival d’Italia. Il più recente è stato lo scorso autunno in Campania, quando l’abbiamo vista esibirsi al Picentia Short Film Festival. Oggi ha dichiarato per la prima volta “Un desiderio per il 2021 sarebbe insegnare ciò che nel tempo ho assorbito e imparato” Così Federica Pento, che da qualche tempo lavora come insegnante di canto, ci svela che ha nella mente di realizzare un grande obiettivo: aprire una scuola di canto tutta sua.
È tenace, determinata, solare e crede fermamente che i sacrifici prima o poi vengano ripagati. La sua preparazione per anni ha avuto un’impronta classica. Attualmente sta imparando tecniche pop di alta formazione. Federica ama e predilige la musica italiana.

Federica Pento


Federica, ci sveli qualche nome famoso con cui hai collaborato sia in passato che di recente?
Negli scorsi anni ho avuto l’onore di aprire vari concerti di cantanti famosi come: Marcella Bella e Tiziana Rivale e di affiancare Stefano Jurgens o anche Nunzia Schiano. Inoltre, nella scuola di alto perfezionamento che frequento ho avuto e ho modo ogni giorno di confrontarmi con artisti di alto calibro.

Federica Pento


C’è il progetto di un diario fra le cose su cui stai lavorando. È esatto?
È esatto, sì. Ho in progetto di creare un mio diario musicale che deve rispecchiare quello di una qualunque ragazza comune. Deve poter raccontare della propria persona: fragilità, sogni nel cassetto, amori impossibili, sconfitte e vittorie raggiunte. La mia idea è quella di creare un diario musicale, in cui esprimere le mie emozioni più profonde e sentite, attraverso le mie parole e la mia musica da donare al pubblico. Fino ad ora, infatti, ho sempre interpretato brani di altri autori ma inizio a sentire il bisogno di dare al pubblico un altro aspetto del mio mondo e sto iniziando a scrivere le mie prossime canzoni.


Cosa ti aspetti da questo 2021?
Ciò che desidero più di tutto in questo periodo è tornare alla mia routine.
Ho voglia di tornare a Roma, studiare e calcare di nuovo i palchi.
Nel frattempo, porto avanti le iniziative che vi ho iniziato a raccontare.

NON SOLO SELFIE AL CHATTANOOGA SALOON

ANCORA UN GRANDE SUCCESSO PER L’ULTIMA PRESENTAZIONE DI NON SOLO SELFIE DI ELENIA SCARSELLA NEL BELLISSIMO LOCALE DI VIA APPIA CHATTANOOGA SALOON

“Non solo Selfie” – Elenia Scarsella – presentazione Chattanooga

Ancora una tappa per la presentazione al pubblico del primo libro della blogger Elenia Scarsella “Non solo Selfie”. Si tratta di un prontuario simpatico e divertente che contiene preziosi consigli e accorgimenti utili per riuscire a restituire sui Social la migliore immagine di noi stessi.

“Non solo Selfie” – Da sx Elenia Scarsella, Elisabetta Viaggi, Antonietta Di Vizia

Giovedì 15 ottobre, infatti il Chattanooga Saloon di Via Appia fondato da Eduard Marro, ha ospitato la presentazione del libro “Non solo Selfie”. Una location suggestiva il Chattanooga, curata nei minimi particolari e molto caratteristica, dove è possibile gustare un’ottima cucina messicana ma anche carne alla griglia di altissimo livello, burger e patatine e deliziose pinse farcite. Sul palco insieme all’autrice, Elenia Scarsella, fondatrice della rivista online Blogandthecity.it, la giornalista Rai Antonietta Di Vizia che ha presentato la serata e il conduttore di La7 Anthony Peth.

“Non solo Selfie” – Chattanooga – Elenia Scarsella proiezione Book trailer

La serata è iniziata con la proiezione del book trailer del libro in cui viene spiegato con immagini e parole come è nata l’idea di scrivere un libro e gli argomenti trattati all’interno di esso.

La moderatrice della serata Antonietta Di Vizia ha poi dato la parola ad Anthony, fresco di debutto con la nuova trasmissione di Sportitalia “Chef in campo”, che ha portato la sua esperienza in fatto di bellezza e di immagine, avendo partecipato come giudice a diversi concorsi di bellezza. Ha spiegato che la bellezza e l’immagine, nella stragrande maggioranza dei casi, non è sufficiente ma deve essere corredata da tanta volontà, studio e determinazione.

Chattanooga saloon “Non solo Selfie” Elenia Scarsella Antonietta Di Vizia Anthony Peth

Tanti ospiti hanno voluto presenziare alla nuova presentazione di NON SOLO SELFIE, che, affrontando il tema dei selfie, accenna anche alle basilari regole della fotografia: dallo studio della luce, al contesto in cui viene inserito il soggetto, il ritratto, le foto in movimento e le foto Curriculum.

Non solo Selfie Claudio Castana Elenia Scarsella Antonietta Di Vizia

Presenti alla serata l’attrice Emanuela Mari, la blogger Sara Lauricella, le giornaliste Francesca Nanni, Loredana Filoni e il giornalista Pietro Vultaggio, l’editore Claudio Castana, la modella Elisabetta Viaggi, il politico Dario Rossin e la cantautrice romana Ely Liguori in arte Star Elaiza.

Non solo Selfie Elenia Scarsella presentazione Chattanooga massimiliano Ferragina Anthony Peth

Ovviamente la serata si è svolta nel rispetto rigoroso di tutte le disposizioni anti-Covid, con tutti i presenti muniti di mascherina e correttamente distanziati. Tante le foto scattate nel corso della presentazione di Non solo Selfie dal sempre bravissimo e professionale fotografo Enzo Stazi.

Non solo Selfie Elenia Scarsella presentazione Chattanooga Eduard

 

Da Venezia a Roma: L’ Accademia Italiana veste le star del Cinema

L’attrice Claudia Conte indosserà una creazione di Marianna Merafina, neolaureata del corso in Fashion design presso Accademia Italiana

Ulteriori sviluppi del progetto “Dress the Stars”, ideato dal direttore dell’Accademia Italiana, Vincenzo Giubba e che vede coinvolti i giovani designer impegnati nella progettazione e realizzazione dei vestiti per le stelle del cinema. Si consolida così la partnership fra WiCA (Women in Cinema Award) e la scuola, che ha sede a Firenze e a Roma.

la stilista Marianna Merafina

Dopo l’evento di Venezia, in occasione dell’ultima Mostra del Cinema, sarà adesso la Festa del Cinema di Roma ad offrire un nuovo palcoscenico agli allievi della scuola, che potranno proporre al pubblico le loro creazioni.

Domenica 18 ottobre, in occasione della quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, Accademia Italiana sarà nuovamente protagonista con l’attrice Claudia Conte: questa volta, a realizzare l’abito per l’attrice, sarà Marianna Merafina, neolaureata del corso in Fashion design presso Accademia Italiana. L’evento avrà luogo all’Auditorium Parco della Musica.

Bozzetto per Claudia Conte

Premio a Daniela Ciancio, costumista dei film di Sorrentino.

In quest’occasione l’Accademia Italiana premierà Daniela Ciancio, celebre costumista dei maggiori successi di Paolo Sorrentino. Sono suoi gli abiti de Il Divo, e del mitico Jep Gambardella, protagonista del pluripremiato film La grande Bellezza.

A consegnare il premio sarà Ilenia Alesse, direttrice del dipartimento di Fashion design della sede romana di Accademia Italiana, accompagnata dalla giovane stilista Marianna Merafina.

accademiaitaliana.com

 

 

 

 

 

Arriva la III edizione del Pet Carpet Film Festival, la rassegna cinematografica internazionale dedicata al mondo animale

25 settembre Studi di Cinecittà, Sala Federico Fellini

Roma

Conduttori Enzo Salvi e Maurizio Mattioli, regia Claudio Insegno

Da sx Maurizio Mattioli, Federica Rinaudo, Enzo Salvi

Animali e uomini, una storia antica quanto l’evoluzione, un legame che in molti casi intreccia sentimenti di amore e di amicizia.  Sono proprio queste le testimonianze al centro della terza edizione del Pet Carpet Film Festival, la rassegna cinematografica internazionale dedicata al mondo animale.  Ideata dalla giornalista Federica Rinaudo, che cura anche la direzione artistica, la kermesse, con il patrocinio di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Croce Rossa Italiana, Fnovi (Federazione Nazionale Ordine Veterinari Italiani), si pone lo scopo di informare, educare e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di creare una società più rispettosa nei confronti degli animali. Un progetto che viaggia attraverso le immagini, grazie alle centinaia di cortometraggi pervenuti dall’Italia e dall’estero, che arrivano dritte al cuore. Emozionanti, divertenti e, purtroppo, anche drammatici i corti hanno per protagonisti cani, gatti, conigli, cavalli, tartarughe, pappagalli, lucertole e tanti altri. Tre le categorie previste anche quella sul Covid -19, “Noi non siamo contagiosi”, dedicata alle criticità causate dal distanziamento sociale che non ha riguardato però gli amici a quattrozampe, una risorsa ancora più preziosa durante la Pandemia. A condurre l’edizione 2020, che si svolgerà il prossimo 25 settembre presso gli Studi di Cinecittà a Roma nella Sala Federico Fellini, gli attori Enzo Salvi e Maurizio Mattioli, reduci dalla campagna contro l’abbandono di Roma Capitale che li ha visti testimonial durante l’estate in compagnia di Peggy e Tyson. Regia a cura di Claudio Insegno e del suo inseparabile barboncino Burt. Numerosi i temi trattati nei cortometraggi, molti dei quali girati con un semplice smartphone, dai rapporti indissolubili, al triste fenomeno dell’abbandono, al vuoto incolmabile lasciato dagli animali volati sul ponte dell’arcobaleno, all’impegno dei volontari delle numerose associazioni.

Enzo Salvi e Maurizio Mattioli

Tra le mission del festival che vedrà la partecipazione di personaggi della cultura, del giornalismo, dello spettacolo, non poteva mancare la solidarietà: l’accesso al gala (per questa edizione diviso su due turni ad inviti e contingentati, in osservanza alle misure di sicurezza previste dalle normative) è gratuito a condizione che si arrivi all’ingresso con scorte di alimenti, medicinali, accessori da devolvere ai volontari delle associazioni che si occupano di cani e gatti (e non solo) meno fortunati e in cerca di una famiglia, individuate ogni anno grazie ad un attento lavoro di monitoraggio e ricerca. Un piccolo gesto che si trasforma in una grande opportunità per chi, ogni giorno, cerca di salvare la vita a tanti meravigliosi, piccoli e grandi, essere viventi. Ingresso da via Lamaro riservato solo su prenotazione.

petcarpetfestival.it

Infoline 3921672283